Il tour

Il week-end dei romanisti in prestito: Ciervo sfiora il "miracolo"

Tre punti per Kluivert e Bianda, ora in Francia. Sconfitte per Florenzi e l'ex Primavera, che dà a Quagliarella il pallone del possibile pareggio. Olsen cambia squadra

Justin Kluivert in azione (Foto dal profilo Instagram @justinkluivert)

Justin Kluivert in azione (Foto dal profilo Instagram @justinkluivert)

18 Gennaio 2022 - 19:58

Undici calciatori in prestito in giro per l'Europa, tra campionati maggiori e serie cadette. È questo il bilancio delle cessioni a titolo temporaneo della società giallorossa. Alcuni di questi sono stati ceduti con diritto od obbligo di riscatto (Kluivert, Florenzi e Providence) altri, soprattutto i giovanissimi provenienti dalla Primavera, con la formula del prestito secco. Esaminiamo allora le prestazioni dei "giallorossi emigrati", decisive per il loro futuro e per quello della Roma.

Il tour dei calciatori in prestito inizia dalla Francia, o meglio, dalla Ligue One. Qui troviamo il solo Justin Kluivert, dopo che per Pau Lopez la scorsa settimana è scattato l'obbligo di riscatto da parte del Marsiglia per una cifra leggermente superiore ai 12 milioni di euro. L'esterno olandese ha giocato 88' nella gara interna vinta 2-1 contro il Nantes. Dal suo corner, sommato alla spizzata di testa di Dante, nasce il rigore che porta in vantaggio i rossoneri. La sua prestazione è nel complesso positiva e permette al Nizza di portarsi al secondo posto in classifica. È la tredicesima presenza stagionale di Kluivert, il cui prezzo di riscatto è fissato a circa 14 milioni di euro.
Restando in terra francese, ma scendendo in Ligue 2, incrociamo William Bianda. Sabato è arrivata la prima presenza del 2022 per il centrale di difesa, che è rimasto in campo per tutto il match nel 2-1 contro il Bastia. Tre punti importantissimi per il Nancy, che permettono alla squadra di avvicinarsi alla zona salvezza.
Spostandoci nel confinante Belgio, sponda Club Brugge, troviamo Ruben Providence. Il giovane esterno classe 2001 non ha ancora mai assaggiato il terreno di gioco con la nuova divisa, a causa di un serio infortunio alla caviglia sinistra, già operata ai tempi della Roma Primavera. Providence è tornato ad allenarsi verso la fine di dicembre, ma non ha ancora collezionato alcuna convocazione. Proverà a tornare a disposizione del nuovo club  domenica, nella partita contro lo Standard Liegi.

Facendo ritorno in patria, tra Serie A, Serie B e Lega Pro incontriamo 6 ex romanisti. Partendo dal massimo campionato italiano ci troviamo a incrociare Alessandro Florenzi e Riccardo Ciervo. L'ex capitano giallorosso parte dall'inizio e gioca 70' minuti contro lo Spezia, con una prestazione nel complesso insufficiente viste le responsabilità sul pareggio dei bianconeri. Nella sua diciannovesima presenza stagionale lascia il campo in favore di Calabria. Solo 15' per Ciervo contro il Torino. L'esterno, in panchina dopo il rientro di Candreva, viene buttato nella mischia nel finale di gara per cercare il pareggio e per poco non ci riesce: all' 89esimo scappa sulla fascia e mette in mezzo un ottimo cross per Quagliarella, che stacca di testa e sfiora il palo e il possibile 2-2. Non riesce il "miracolo" di salvare D'Aversa all'esterno offensivo, che ora dovrà conquistare le simpatie del futuro allenatore blucerchiato (che probabilmente sarà Marco Giampaolo). È la quarta presenza consecutiva (e la decima in stagione) per Ciervo.
Complice la situazione Covid-19, non è ancora rientrata dalle vacanze natalizie l'Alessandria, nuova squadra di Tommaso Milanese. Il centrocampista tonerà in campo il 22 gennaio, contro il Benevento, quando cercherà di partire titolare per la decima volta di fila e di trovare il primo gol (più volte sfiorato) nel campionato cadetto.
Scendendo uno scalino, e arrivando in Lega Pro, balzano all'occhio tre ex Primavera: Devid Bouah al Teramo, Stefano Greco al Potenza e Salvatore Pezzella, in prestito al Siena. Nessuno dei tre è sceso in campo con le rispettive formazioni: dati i numerosissimi contagi tra calciatori e membri dello staff è stato disposto il rinvio di tutte le gare di Lega Pro in programma. La speranza è che il campionato possa ripartire già dal prossimo turno, in programma nel weekend del 22-23 gennaio.
Trasferendoci in Inghilterra ci imbattiamo in Robin Olsen. È arrivata poco fa l'ufficialità del suo trasferimento: il portiere, dopo la prima parte di stagione in Championship con la maglia dello Sheffield United è passato, sempre in prestito, all'Aston Villa. Nei Villans l'estremo difensore svedese farà il secondo di Emiliano Martinez. Nel trasferimento è stata inserita la possibilità per il club inglese di acquistare, al termine della stagione, Olsen a titolo definitivo, per una cifra che dovrebbe essere vicina ai 3.5 milioni di euro.
Il tour tra i giocatori romanisti in prestito si conclude in Svizzera, terra di orologi, formaggi e Ante Coric. Il trequartista croato, arrivato sulle sponde del Tevere per una cifra vicina agli 8 milioni, non è sceso in campo nelle amichevoli disputate in settimana contro Wuppertaler e Pogoń Szczecin. Proverà a tornare in campo (per l'ottava volta in stagione) nell'amichevole tra il suo Zurigo e il Wil, che si giocherà sabato: una buona prestazione potrebbe farlo rientrare nelle rotazioni della squadra in vista della ripresa del campionato, prevista per il 29 gennaio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA