Le trattative

Ipotesi Tousart per il centrocampo, Freuler pista difficile

Il francese dell’Hertha Berlino è il nome nuovo per il centrocampo di Mou. A destra si complica la pista Dalot, che lo United non vuole più cedere. Nel mirino Sarr

Tousart lotta con Kimmich per il possesso palla (Photo by Matthias Hangst/Getty Images)

Tousart lotta con Kimmich per il possesso palla (Photo by Matthias Hangst/Getty Images)

21 Dicembre 2021 - 09:41

Cercasi esterno destro difensivo. Un giocatore che non costi troppo, meglio in prestito, caratteristica principale quella di poter essere un'alternativa a Karsdorp che corre il rischio di arrivare a fine stagione attaccato a una bombola d'ossigeno. Pinto, nella consapevolezza di un budget che non è un inno all'opulenza, ci sta lavorando da mesi. Sono stati presi in esame decine di profili. Dopo una serie di contatti, telefonate, incontri, suggerimenti, si era individuato in Diogo Dalot il profilo migliore. Una scelta determinata da diversi fattori: un'età, ventuno anni, che in ogni caso garantiva un possibile investimento; un contratto con il Manchester United in scadenza nel giugno del 2023; il passato del ragazzo che a Manchester era stato voluto e accolto da Mourinho; il ruolo di panchinaro con cui di fatto allo United doveva convivere da quando lo Special One aveva lasciato la panchina; la conoscenza del nostro campionato frequentato la passata stagione con la maglia del Milan; la capacità di poter essere utilizzato anche sulla fascia sinistra.
Si era quindi passati alla fase operativa. Ovvero avviare i contatti con i procuratori (Carlos e Vitor de Almeida Goncalves) per capire la disponibilità al trasferimento. Una volta ottenuta, si era passati alla fase due, cominciare a trattare con il Manchester, roba che a Trigoria sanno bene come sia tutt'altro che una passeggiata di salute (presente Smalling?). Poi l'imprevisto. Cioè l'arrivo del guru tedesco Ralf Ragnick sulla panchina dei Red Devils. Cosa che ha stravolto la situazione. Perchè Dalot è stato promosso subito titolare con il conseguente stop all'eventualità di una cessione. La Roma ne ha preso atto già da un paio di settimane. Ha atteso un eventuale ritorno al passato, ma quando nei giorni scorsi si è sentita ribadire che il portoghese non si muove, anzi che c'è l'intenzione di prolungargli il contratto, ha chiuso la porta anche la speranza, dirottando le sue attenzioni su altri profili perché l'esterno destro difensivo Mourinho lo vuole e si aspetta di vederlo a Trigoria più a inizio che a fine gennaio. Chi, allora? Smentiti Bereszynski (che vuole andare via dalla Samp) e Stryger Larsen (che ha rotto con l'Udinese ed è in scadenza il trenta giugno del prossimo anno), il nome nuovo che sta circolando in questi ultimi giorni è quello del ventinovenne francese Bouna Sarr, che al Bayern Monaco finora ha trovato pochissimo spazio (226' totali per lui).
Per quanto riguarda il ruolo di centrocampista centrale, nel mirino di Tiago Pinto è finito anche il francese Lucas Tousart. Ventiquattro anni, cartellino di proprietà dell'Hertha Berlino (lo ha pagato 21 milioni due anni fa dal Lione), contratto in scadenza nel giugno 2025, ma un momento attuale non splendido visto che ha perso la maglia da titolare nella squadra tedesca, sembra per dissidi interni. E allora il suo procuratore, Philippe Fiorentino, sta lavorando per trovargli una nuova sistemazione, pur nella consapevolezza che l'Hertha per prendere in considerazione una cessione del suo giocatore, ha bisogno di un'offerta di almeno dodici milioni. Subito o con un obbligo di riscatto nel prossimo mercato estivo. È una trattativa, insomma, non semplicissima a meno che non sia il giocatore stesso a forzare la mano chiedendo di essere ceduto.
Tousart è uno dei tanti nomi accostati alla Roma per la mediana, ma sono tutti puntualmente smentiti, compreso lo spagnolo Marc Roca che il tecnico del Bayern Monaco non vuole lasciar partire. L'ultimo in ordine di apparizione è l'atalantino Remo Freuler, perché sarebbe in scadenza il prossimo 30 giugno. A noi il ds atalantino Sartori ha detto che lo svizzero ha rinnovato il contratto e che a gennaio non c'è nessuna intenzione di cederlo. Più confermate, invece, sono le voci che circolano a proposito di centrocampisti partenti. Ovvero Gonzalo Villar e Amadou Diawara. Lo spagnolo dovrebbe tornare a casa (Valencia e Atletico Madrid i club maggiormente interessati). Per il guineano ci sarebbero state manifestazioni d'interesse da parte di Torino e Marsiglia. Sulla prima ci permettiamo di avere qualche dubbio (c'è stata smentita) e, inoltre, la Roma in cambio vorrebbe Singo (esterno) giocatore che Cairo valuta poco meno di venti milioni di euro. Più concreta (e confermata) è invece la pista del Marsiglia con cui la Roma ha rapporti consolidati dall'estate scorsa per la doppia operazione in uscita che ha visto Pau Lopez e Ünder, entrambi partiti in prestito ma che a fine stagione saranno riscattati per oltre venti milioni. Il club francese vorrebbe portare anche Diawara in Costa Azzurra. Il guineano alla Roma è a bilancio ancora per undici milioni e mezzo, cifra che serve per acquistarlo. In caso contrario si può ripetere il giochetto del prestito con diritto di riscatto. A Trigoria sicuramente non punterebbero i piedi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA