A Trigoria ieri il consueto "day after" della partita ha visto la squadra divisa in due gruppi, tra chi ha preso parte alla gara di Conference League con il Bodo/Glimt e chi invece è rimasto a guardare. Pellegrini, Viña, Spinazzola e Smalling hanno lavoro individuale. Il capitano giallorosso, alle prese con una infiammazione al ginocchio sinistro, sta cercando di recuperare e vederlo nella lista dei convocati per la trasferta del Penzo non è da escludere a priori. Lorenzo sa quanto è importante la sua presenza per la squadra, rimasta a corto di idee nella gara dell'Olimpico contro i norvegesi, e a Cagliari era stato proprio lui a fare la differenza. Una decisione sarà presa oggi, con Mourinho che valuterà, considerando anche che dopo Venezia sarà la volta della terza pausa per le nazionali (Lorenzo è stato convocato).

Discorso diverso per Matias Viña, che è invece reduce da una lieve lesione all'adduttore destro e per questo motivo non è stato convocato per la partita di Conference League che ha lasciato la Roma al secondo posto del girone. L'uruguagio sarà recuperato dopo la sosta, probabile che Mou scelga la stessa difesa che ha giocato giovedì sera. E dopo la sosta avremo certezze diverse anche per i lungodegenti Smalling e Spinazzola. Mou per Venezia rifletterà sulla freschezza e sull'affidabilità degli uomini: probabile un mix tra titolarissimi (con El Shaarawy in fiducia - e Perez che non ha sfigurato - Micki potrebbe partire dalla panchina) e comprimari (ancora fiducia a Abraham o Shomurodov e Borja Mayoral possono avanzare?). In Serie A tornerà anche Felix. I romanisti saranno più di mille tra settore ospiti e resto dell'impianto, nella speranza che alla sosta nonostante il lunch match ci si arrivi con la pancia piena.