Il direttore generale del Genoa, Giorgio Perinetti, ha parlato in mixed zone nel post-partita, criticando duramente l'operato dell'arbitro Di Bello. Queste le sue parole:

"Oggi siamo in aria di Natale e quindi ci sono i regali. Il nostro sul 2-2 dove potevamo buttare la palla sul fondo, essere più cinici e non prendere un contropiede che ha portato poi al 2-2. Questo per dire che bisogna sempre analizzare la partita in maniera corretta. E un regalo per la Roma, all'ultimo minuto, che forse è cambiato il regolamento. Evidentemente non si può dare il rigore nel recupero. Quello è un rigore da scuola, che si insegna ai bambini: quando succede questo è rigore. Perché non si dà rigore? Questo lo deve spiegare solo Di Bello ai suoi superiori o i suoi superiori a Di Bello. E Chiffi penso che non sia potuto nemmeno intervenire perché Di Bello gli ha detto: "Ho visto tutto io e ho visto bene". L'unico onesto in tutta quella azione è Florenzi. Florenzi è il capitano della Roma e si gira, se guardate il suo atteggiamento, e sembra il bambino che ha rubato la marmellata e dice: "Oddio qui ho fatto... che ho combinato?!". Quindi l'unico serio e onesto è stato Florenzi, che ha commesso il rigore e sapeva di averlo commesso. Gli altri sono stati... Bah! Non lo so. Ripeto, io spero che lo spieghi Di Bello ai suoi superiori o i suoi superiori a Di Bello cosa è successo su quell'azione".