In un'intervista al canale portoghese SIC (Qui il video), Paulo Fonseca ha fatto un bilancio delle due stagioni trascorse a Roma: "Ho creato un rapporto molto forte con il club e i tifosi. Mi piace molto Roma e anche la città. Sono molto amato a Roma, tanto che sto pensando alla possibilità di vivere lì. A livello professionale, sono stati due anni fantastici. Abbiamo lasciato un segno importante, ovvero la qualità del nostro gioco che è stata molto apprezzata in Italia, abbiamo lanciato giocatori giovani, abbiamo raggiunto la semifinale di Europa League. Abbiamo costruito qualcosa in circostanze molto difficili".

Alla domanda se si aspettasse o meno di continuare alla Roma, Paulo ammette che si aspettava di lasciare il comando tecnico dei giallorossi a fine stagione: "Ho vissuto forse i 2 anni più difficili della storia recente della Roma: cambio di proprietà, nessun direttore sportivo...È stato un periodo di transizione che ha richiesto molto tempo e ovviamente, con l'arrivo dei nuovi proprietari, ho capito chiaramente che c'era anche la possibilità di non continuare".

L'ingresso della famiglia Friedkin coincide anche con l'arrivo del suo connazionale Tiago Pinto come direttore sportivo della Roma, con il quale Paulo Fonseca dice di avere un ottimo rapporto: "Tiago è una delle persone più oneste che abbia mai incontrato nel calcio, e anche un grande professionista. Parlavamo sempre su come si stavano sviluppando le cose. C'era sempre una grande trasparenza e onestà".

La Roma alla fine ha annunciato la scelta di José Mourinho come allenatore per la stagione in corso mentre Paulo era ancora in carica, qualcosa che l'allenatore portoghese ha considerato come un normale atto manageriale: "José è stato gentile da parlare con me prima e spiegarmi la situazione. Io sono stato sempre dentro il processo, niente veniva fatto alle mie spalle, quindi ero sempre molto a mio agio. Tiago ha sempre avuto un rapporto straordinario con me, di grande sincerità, e sapevo quello che stava per accadere."

In relazione al suo futuro e al prossimo passo, Paulo Fonseca rivela che è stato contattato da diversi club italiani e stranieri. "Ho ricevuto contatti e proposte concrete. Mi piace molto la Serie A e la sua esigenza tattica, ma in questo momento ho deciso che era giusto fermarmi, rinovare energie e trovare il progetto ideale. Di una cosa sono sicuro, voglio continuare ad alti livelli, nei grandi campionati europei dove la pressione per vincere è enorme e dove il calcio ha più qualità."