Questa notte il River Plate ha compiuto un'impresa straordinaria. Gli uomini di Gallardo, impegnati in una gara del girone eliminatorio di Coppa Libertadores contro l'Independiente Santa Fe, si sono presentati al campo con soltanto gli undici titolari a disposizione. Della lista presentata alla Conmebol - l'ente che organizza e gestisce la competizione sudamericana - erano rimasti soltanto pochi superstiti, viste le 21 assenze tra casi di positività al Covid-19 e infortuni. Degli undici biancorossi rimasti non c'era neanche un portiere, motivo per il quale il tecnico Gallardo ha mandato il centrocampista Enzo Perez tra i pali. Dopo 6 minuti di gioco, al Monumental i padroni di casa erano già in vantaggio per 2-0, grazie alle reti in avvio di Angileri e Alvarez. Al 73' Osorio ha riaperto la gara, ma nel quarto d'ora finale il River, con giocatori stanchi e senza la possibilità di effettuare sostituzioni, è riuscito a respingere l'assedio avversario portando a casa i tre punti. Al triplice fischio, Perez è stato nominato uomo partita