Ieri sera i club inglesi (scuse da parte di Liverpool e Arsenal nei confronti dei tifosi) hanno rinunciato al progetto SuperLega, l'Inter non l'ha ancora annunciato ufficialmente, il Barcellona ha annunciato il voto tra i soci, mentre Milan, Juventus, Real Madrid e Atletico non hanno comunicato ripensamenti. La SuperLega, stanotte, ha pubblicato un comunicato in risposta al caos:

"La SuperLeague è convinta che l'attuale status quo del calcio europeo debba cambiare. Proponiamo un nuovo concorso europeo perché il sistema esistente non funziona. La nostra proposta è finalizzata a consentire allo sport di evolversi generando risorse e stabilità per l'intera piramide calcistica, anche aiutando a superare le difficoltà finanziarie incontrate dall'intera comunità calcistica a causa della pandemia. Fornirebbe anche pagamenti di solidarietà materialmente migliorati a tutte le parti interessate del calcio. Nonostante l'annunciata uscita dei club inglesi, costretti a prendere tali decisioni a causa della pressione esercitata su di loro, siamo convinti che la nostra proposta sia pienamente allineata alla legge e ai regolamenti europei come è stato dimostrato oggi da una decisione del tribunale per proteggere la Super League da azioni di terze parti. Date le circostanze attuali, riconsidereremo i passaggi più appropriati per rimodellare il progetto, avendo sempre in mente i nostri obiettivi di offrire ai tifosi la migliore esperienza possibile, migliorando i pagamenti di solidarietà per l'intera comunità calcistica".