Stefano Pioli, allenatore del Milan, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della gara con la Roma:

Domani si torna a San Siro.
"Sicuramente fa piacere tornare a giocare in casa nostra. Si tratta ovviamente di un ritorno parziale senza tifosi".

Capello ha detto che non ci sono nove punti di differenza tra le due squadre.
"Sono d'accordo con Capello, noi e la Roma siamo abbastanza simili, la realtà ci dice che siamo ancora lontani. Domani è uno scontro diretto, sappiamo delle difficoltà della partita, abbiamo un'occasione per vincere e mettere in campo le nostre qualità. E' un'opportunità da sfruttare".

Domani cosa sarà importante?
"Tutte le partite possono essere diverse, credo sia importantissimo leggere i momenti della gara. Domani ci sarà un grande caldo e dovremo dosare le forze per colpire nei momenti giusti. Credo che a Lecce siamo stati molto bravi in ogni momento della partita".

L'attacco sarà simile a quello di Lecce?
"A me piacciono molto i giocatori che sappiano prendersi gli spazi e che si muovano, anche Ibra in questo senso si muove molto. Domani abbiamo un'occasione importante".

Come sta Ibrahimovic?
"Ha lavorato tanto, ha lavorato bene, domani ha fatto il primo allenamento ma non è ancora pronto per giocare, non sarà della partita. Domani lavorerà e non sarà in panchina con noi".

Rebic ha fatto molto bene da centravanti.
"Ante ha ottime caratteristiche e ha dimostrato di saper fare bene sia da prima punta che a sinistra. A Lecce ha giocato una gran partita di intensità, sta ampliando il suo bagaglio. Lui deve giocare ha una grande forza fisica. La generosità e il sacrificio fanno parte del nostro modo di giocare. Ha fatto anche una rincorsa di 70 metri e questo è un aspetto importante. Giocheremo ogni 3 giorni e questi atteggiamenti sono importanti".

Cos'è cambiato dall'andata?
"La squadra mi sorprende per la disponibilità che mi sta dando. Abbiamo fatto tanti passi in avanti, il calendario è molto difficile ma anche molto stimolante. Domani è una partita difficile".

Anche Castillejo ha stupito a Lecce.
"Castillejo sa abbinare quantità e qualità, deve continuare assolutamente così, sa attaccare bene la profondità, non può che crescere. Sia lui che Theo Hernandez potranno crescere a livello fisico per darci un contributo importante".

L'anno scorso vinse 7-1 contro la Roma. Domani un altro big match.
"Per me le partite perfette non esistono, ma quella si è avvicinata molto. Quello che conta è la partita di domani, dobbiamo migliorare la nostra posizione di classifica, non abbiamo ancora vinto una partita con chi ci sta davanti. Abbiamo cinque opportunità per dimostrare la nostra cresciuta, fin qui nei big match solo l'Atalanta ci ha messo sotto".

Kjaer domani ci sarà?
"Se farà tutto l'allenamento oggi ci sarà domani, è un giocatore di personalità ed intelligente. Sono contento anche del recupero di Duarte, ha delle belle qualità. Vista l'assenza di Musacchio abbiamo bisogno di più giocatori".

Bennacer può essere un centrocampista top?
"Ha una fisicità incredibile nell'1vs1, sta migliorando anche nella gestione. Sta crescendo molto, è destinato a diventare un giocatore di livello".

Vuole dare un consiglio a Donnarumma sul futuro?
"E' molto sereno e determinato e molto attaccato al Milan, penso che prenderà la decisione migliore per sé stesso, non lo vedo lontano dal Milan. Non ho parlato con lui di futuro, siamo concentrati sul campionato".