Dalla tribuna arrivano insulti e la squadra smette di giocare. A Venaus, il val Susa, la squadra di casa ospitava il Lascaris, per la categoria Esordienti 2006. Bambini. Si gioca nove contro nove e non c'è un arbitro federale,  le partite vengono arbitrate dai dirigenti. Dagli spalti, un padre particolarmente 'partecipe' ha iniziato a insultare prima suo figlio, poi gli altri giocatori, poi il guardalinee e infine l'arbitro/dirigente.  la gara, condotta 2-0 dal Lascaris,  è stata sospesa, visto che la squadra di casa, il Venaus, ha deciso di ritirare tutta la squadra poiché la situazione era diventata insostenibile. Domani, il presidente del Lascaris, Vincenzo Gaeta, ha già annunciato che convocherà tutti i genitori della squadra perché quanto accaduto è adir poco inaccettabile. In un post su Facebook la Asd Venaus calcio si è rivolta al padre del ragazzino, ricordando quale deve essere il giusto spirito di queste partite, e in generale, del gioco del calcio.