Aleksander Ceferin è tornato a parlare del futuro del calcio europeo e della ripresa delle competizioni dopo l'emergenza coronavirus. Il presidente dell'Uefa, intervistato dall'emittente tedesca Zdf, ha stabilito chiaramente un termine ultimo per portare a conclusione la Champions e l'Europa League. Ecco le sue parole.

"Il 3 agosto tutto deve essere finito, sia in Champions che in Europa League. La situazione è straordinaria ma possiamo giocare nelle stesse date dei campionati locali, agli stessi orari; dobbiamo essere flessibili. Se la crisi si ferma, inizieremo prima. Si può giocare con il sistema attuale o anche in gara secca col sorteggio della squadra che gioca in casa, o su un campo neutro. Per ora è solo un'ipotesi quella di giocare delle Final Eight o delle Final Four. L'unica decisione sbagliata sarebbe quella di giocare in un modo che metta in pericolo la salute di giocatori, tifosi, arbitri. Ma se ci sono le condizioni di sicurezza, non vedo alcun problema".