"Conoscendo De Rossi, quando prende una decisione arriva in fondo, non rimane a metà". Così si è espresso Leandro Cufrè sul centrocampista italiano, suo compagno ai tempi della Roma. L'ex difensore giallorosso, ora allenatore dell'Atlas de Guadalajara, ha parlato dell'avventura di Ddr al Boca Juniors ai microfoni dell'emittente sudamericana Radio Rivadavia.

"Non credo che Daniele si sia pentito della scelta del Boca, è molto interessato alla cultura argentina. Le volte in cui abbiamo parlato mi ha sempre detto che una volta finito a Roma avrebbe cercato la sua opportunità all'estero e, in tal caso, sapeva che ci sarebbe voluto del tempo per adattarsi. De Rossi non ha mai vissuto un'esperienza fuori dalla sua città ed è normale per lui avere alti e bassi, almeno fino a quando non si adatterà. Ha bisogno di un po' di tempo per entrare nei meccanismi e questo può togliergli qualcosa dal punto di vista fisico. Il mondo extra-calcistico lo appassiona, perché gli piace molto la cultura del paese. Dal punto di vista del temperamento Daniele è più argentino che europeo. Vuole giocare per sempre. In questo momento in cui è fuori per problemi fisici sarà sicuramente dispiaciuto, perché non è andato al Boca Juniors per i soldi, ma per vivere la passione del calcio argentino sul campo".