Nella conferenza stampa di presentazione per la sua nuova avventura con il Bologna, Walter Sabatini, nuovo direttore tecnico degli emiliani, ha parlato anche di Totti e del suo addio:

"Invocare il padrone sul posto di lavoro è un luogo comune. Io penso che una società debba avere professionalità e sensibilità che non obblighino il presidente ad essere sempre presente".

A completare questo intervento ci ha pensato poi Fenucci, che ha aggiunto: "Se guardiamo tutto il calcio e la Premier League in particolare, troviamo molti presidenti stranieri che non sono presenti in loco. Il calcio del futuro richiede sfide organizzative piuttosto che presenze presidenziali".

Infine, Sabatini ha voluto smentire ogni voce su una possibile offerta contrattuale a Totti da parte del Bologna: "A Francesco non abbiamo inviato nessuna offerta".