Alessio Di Chirico, atleta combattente della UFC che tornerà sull'ottagono il 22 giugno contro Holland, ha rilasciato un'intervista a La Gazzetta dello Sport in cui ha parlato del suo ritorno sul ring e della sua passione per la Roma e la Curva Sud. Nell'intervista ha parlato degli addii di De Rossi e Ranieri e della situazione societaria.

Di seguito le sue parole: "L'amore per la Roma l'ho sempre avuto, una droga, chi è romanista sa di cosa parlo specie dopo l'annata difficile che abbiamo vissuto. Mi dispiace un sacco che se ne vada Ranieri, allenatore pazzesco, per non parlare di De Rossi. Daniele è una persona e un giocatore eccezionale, mi dispiacerà moltissimo non vederlo più. Proprio lui ha lo spirito del combattente. E poi il mediano è un fighter, non molla mai, è sempre pronto a dare una mano al compagno, sostiene l'attacco, sostiene la difesa. E poi il cuore: lotta o calcio, conta tantissimo. Sì, la vicenda si poteva gestire decisamente meglio, e a questo proposito mi auguro che i dirigenti tornino a lavorare a Roma: con Baldini a Londra e Pallotta a Boston i giocatori sono lasciati a se stessi. E da sportivo so benissimo quanto è importante avere dei leader che ti inquadrino, altrimenti poi si va allo sbaraglio".

Leggi anche l'intervista di Alessio Di Chirico a "Il Romanista"