Conference League

Tottenham-Rennes non sarà recuperata: gli inglesi rischiano lo 0-3 a tavolino

Lo comunica la Uefa: "Non è stato possibile trovare una soluzione per entrambi i club. La questione sarà deferita alla Commissione Disciplinare"

La Redazione
11 Dicembre 2021 - 09:46

Tottenham-Rennes, match di Conference League decisivo per il passaggio del turno degli inglesi, non si giocherà. Lo ha reso noto la Uefa, con un comunicato: dopo il rinvio per i diversi casi Covid nel club inglese, la sfida non verrà recuperata perché non è stato possibile trovare una data per il recupero: "A seguito di un'epidemia di Covid-19 nella squadra del Tottenham Hotspur FC in vista della partita della fase a gironi della Uefa Europa Conference League contro lo Stade Rennais FC, prevista per il 9 dicembre 2021 a Londra, la partita non ha potuto svolgersi", si legge in una nota dell'Uefa.

"In conformità con l'allegato J del regolamento della Uefa Europa Conference League, la Uefa, in collaborazione con i due club, ha cercato di trovare una soluzione praticabile per riprogrammare la partita, in modo da garantire che la fase a gironi potesse essere completata di conseguenza. Purtroppo - prosegue il comunicato -, nonostante tutti gli sforzi, non è stato possibile trovare una soluzione che potesse funzionare per entrambi i club. Di conseguenza, la partita non potrà più essere disputata e la questione sarà, pertanto, deferita all'Organo di Controllo, Etico e Disciplinare Uefa per una decisione da prendere ai sensi dell'Allegato J del suddetto regolamento di gara".

Ora il Tottenham rischia la sconfitta per 3-0 a tavolino che vorrebbe dire eliminazione dalla Conference League. Nel regolamento si legge infatti: "Se non è possibile riprogrammare la partita, il club che non può giocare la partita sarà ritenuto responsabile per la partita non disputata e la partita sarà dichiarata dall'Organo di Controllo, Etico e Disciplinare Uefa a decadere dal club, che sarà considerato perso per 3-0. Inoltre, l'Organo di Controllo, Etica e Disciplina UEFA può adottare ulteriori misure disciplinari se le circostanze lo giustificano".

© RIPRODUZIONE RISERVATA