Nuova competizione, nuovo format, nuove regole. La prima edizione della Conference League (che si disputerà «almeno fino al 2024»), la terza coppa europea, è già iniziata l'8 luglio con il primo turno di qualificazione. Lo scopo della competizione è dare accesso a un numero maggiore di federazioni, in quanto, in tutto il percorso, saranno rappresentate ben cinquantacinque paesi diversi: le squadre totali che prenderanno parte al torneo saranno 184, di cui soltanto 46 provenienti dal percorso di qualificazione delle due competizioni maggiori, Europa e Champions League. Dopo i playoff, ultimo dei quattro turni preliminari, ci sarà la classica fase a gironi (otto da quattro squadre, si disputeranno dal 16 settembre al 9 dicembre), a cui prenderanno parte 32 società: 17 dal percorso principale di qualificazione, 5 provenienti dal percorso campioni di Champions League, 10 eliminate nel playoff finale di Europa League. Le prime classificate di ogni gruppo accedono agli ottavi di finale, mentre le otto seconde affronteranno in un ulteriore playoff di accesso agli ottavi (in sostanza, esattamente come se fosse un sedicesimo di finale che però esclude le migliori di ogni girone) le terze classificate nei gruppi di Europa League, che si giocherà il 17 e il 24 febbraio. Gli ottavi di finale si disputeranno il 10 e il 17 marzo, iquarti il 7 e il 14 aprile, le semifinali il 28 aprile e il 5 maggio, mentre la finale è in programma a Tirana il 25 maggio 2022. Chi trionfa si qualifica alla successiva Europa League. Elemento importante da considerare: non è previsto il sistema Var fino alla finale di Tirana.