Tra Campo de' Fiori e gli scavi di Largo di Torre Argentina, sorge Palazzo Cavallerini Lazzaroni. È qui che domenica 23 dicembre si terrà Kickit Christmas market, una vera e propria no stop, dalle 11 alle 21, dedicata allo streetwear.

La location

Costruito nel 1676 dall'architetto Giovanni Antonio De Rossi, oggi il palazzo ospita la Galleria Contemporary Cluster, una vera e propria officina creativa, dedicata alla sperimentazione artistica e alla contaminazione tra varie discipline: arte, architettura, moda, design, musica. Tra i soffitti affrescati e le colonne che sorreggono tre piani di storia, si articolano una moltitudine di progetti, pensati seguendo un elemento portante che fa da filo conduttore all'intero concept, cioè l'approccio trasversale e multidisciplinare che porta il soggetto che entra all'interno della galleria a una sinestesia costante, che stimola cervello e corpo attraverso esperienze complesse e dalle mille sfaccettature.

Il market

Saranno presenti per questa versione natalizia dell'evento, trenta espositori scelti con cura, da cui acquistare i capi più hype: Yeezy, Bape, Nike, Supreme, Adidas, Diadora, North Face e poi, naturalmente, le principali protagoniste saranno le sneakers, veri e propri oggetti di design da indossare e da mettere in mostra sulle mensole della scarpiera. Lavorate come se fossero sculture e trattate come tele su cui dipingere i colori delle stagioni, se ne trovano di ogni tipologia, da quello con i toni più neutri a quelle con le sfumature delle nuances più brillanti e intense. All'interno dei tre piani del Contemporary Cluster si svilupperà un vero e proprio market natalizio che, dopo il successo raccolto a Roma nello spazio live dell'Atlantico all'Eur, preso d'assalto lo scorso settembre da oltre 5000 persone, approda in una sede d'eccellenza, per creare un evento unico e straordinariamente innovativo vista la capacità di mixare la classicità seicentesca degli ambienti con la contemporaneità e l'immediatezza della moda e della cultura di strada. «L'attenzione dei media, il fatto che le sneakers siano state oggetto anche di film o documentari e il fatto che oggi siano state inserite all'interno di un percorso così avanguardista, come questo del Contemporary Cluster, indicano chiaramente un fenomeno che esiste, è vero e proprio marker culturale di una generazione e lascia spazio a innumerevoli commistioni tra le varie discipline artistiche», ha dichiarato Fabrizio Efrati, founder di Kickit.

Mix di arte e moda

A dimostrazione del fatto che le sneakers con le loro linee curve e aerodinamiche, concepite in materiali ipertecnologici, siano veri e propri oggetti di design è la partecipazione al Kickit Market di Soul Studio che all'interno del Cluster presenterà "Beyond Streetwear", una mostra che attraverso una selezione di collaborazioni, prodotti e progetti, si propone di raccontare il legame tra streetwear, design e lifestyle. Un legame da sempre forte che si traduce in collaborazioni tra fashion brand e designer per la realizzazione di capsule collection e oggetti in limited edition. Oggi lo streetwear è anche selezione e studio dei materiali, dei tessuti e dei colori, si basa su collaborazioni con artisti, rapper, influencer, attinge dalla strada e al tempo stesso la ispira, è esso stesso arte metropolitana. Una scommessa tutta italiana quella di Kickit, che come la street fashion è in continua evoluzione e trasformazione.

Prossimi appuntamenti

Trasformazione e poliedricità sono anche le "keywords" del Contemporary Cluster che per metà dicembre presenterà un nuovo ciclo espositivo, parallelamente a Kickit, che prevederà l'art exhibition "Cinetica", realizzato in collaborazione con l'Accademia d'Ungheria in Roma e che fino al 7 febbraio 2019 racconterà l'estesa continuità del lavoro artistico di Antonio Barrese e Alberto Marangoni, dagli esordi del Gruppo Mid a oggi. Inoltre, per la giornata di sabato 22 dicembre, dalle ore 18, verrano esposti i gioielli di MaTe, meravigliosi manufatti dotati di cinési che si legano ai corpi e con essi si muovono, si slanciano, partono o ritornano, capaci di creare un legame indissolubile con chi li indossa. Per una moda che interpreta, come le sneakers, la personalità di chi la indossa. Insomma, durante questo ultimo mese dell'anno, così come dei prossimi del nuovo, non mancheranno appuntamenti interessanti, dove cercare di riconoscere la propropria personalità, il proprio gusto, la propria voglia di comunicare con gli ambiti artistici più disparati.