Con Atletico Madrid-Juventus 2-0 e Schalke 04-Manchester City 2-3 si è chiuso il programma dell'andata degli ottavi di Champions. Per la Juve parte con il piede sbagliato il percorso a ostacoli che dovrebbe portarla verso la conquista del reale obiettivo stagionale. Al Wanda si è giocata una doppia partita: quella tra le due squadre e quella tra un inesistente Cristiano Ronaldo e i tifosi spagnoli. Sonoramente fischiato per tutta la gara, l'attaccante portoghese ha reagito a fine primo tempo facendo il provocatorio gesto della manita. Cinque dita, come le cinque Champions vinte in carriera: una con il Manchester United e quattro con gli odiati rivali del Real. La prima occasione è arrivata proprio grazie a CR7, la cui punizione è stata deviata in calcio d'angolo da Oblak. Pur facendosi preferire nel corso del primo tempo, i padroni di casa si sono resi pericolosi solamente con un tiro da fuori di Thomas e con una punizione molto insidiosa di Griezmann. Un calcio da fermo arrivato dopo una decisione del Var, che ha trasformato in punizione il rigore inizialmente concesso dall'arbitro per un fallo di De Sciglio su Diego Costa, avvenuto fuori area. Vivace e fumantino sin dall'inizio, l'attaccante dell'Atletico non ha certamente disputato la sua migliore partita, durata solamente cinquantotto minuti. Diffidato, l'ex Chelsea è stato ammonito all'ottavo del primo tempo mentre al quinto della ripresa si è letteralmente divorato il gol solo davanti a Szczęsny: tiro fuori e non di poco.

Var protagonista

Furioso per l'episodio da moviola e per la provocazione di Ronaldo, Simeone ha suonato la carica nella ripresa, iniziata col piglio giusto dai suoi calciatori, come testimonia la traversa colpita in pallonetto da Griezmann su splendida imbeccata di prima di Koke. A tratti spigolosa, la partita avrà degli strascichi importanti anche in vista della gara di ritorno, visto che oltre a Costa, anche altri due diffidati sono stati ammoniti da Zwayer: Alex Sandro e Thomas. Il direttore di gara tedesco è diventato il bersaglio preferito del Cholo e del Wanda al ventinovesimo del secondo tempo, quando, dopo aver rivisto l'episodio al Var, ha annullato il gol di Morata per una leggera spinta su Chiellini. Una decisione che ha solamente rinviato di qualche minuto la giusta capitolazione dei bianconeri, arrivata grazie a una zampata di Gimenez sugli sviluppi di un calcio d'angolo a dodici minuti dal novantesimo. Una rete che ha mandato in estasi il Wanda, incitato da Simeone anche con gesti poco eleganti. Distratti e poco cattivi su palla inattiva, Bonucci e compagni sono stati puniti all'ottantatreesimo da Godin, promesso sposo dell'Inter, abile a sfruttare un rimpallo sugli sviluppi di una punizione laterale. Un risultato prezioso, difeso al novantesimo da un'ottima parata di Olbak sulla conclusione mancina di Bernardeschi.

Nell'altra sfida della serata, il Manchester City ha dovuto faticare più del previsto per avere la meglio sullo Schalke. Subito in vantaggio con Aguero ma sotto per 1-2 fino a cinque minuti dalla fine, i Citizens hanno ribaltato la doppietta di Bentaleb con le reti di Sane e Sterling, nonostante l'espulsione di Otamendi a metà ripresa.