Ospite del programma "Radio Anch'io Sport" su Radio 1, Carlo Ancelotti ha parlato anche di Roma-Shakhtar Donetsk, ritorno degli ottavi di finale di Champions League in programma domani alle 20.45: "La Roma gioca contro una squadra complicata, è una partita difficile, ma ha dato risposte importanti contro Napoli Torino: sembrava in difficoltà, ma ora ha ritrovato fiducia. Il risultato dell'andata non è facile, ma è comunque abbordabile". Nella short list della FIGC per il ruolo di Ct dell'Italia, l'ex Bayern Monaco ha aperto le porte ai colori azzurri: "Non è un'ipotesi lontana. E' necessario per la Nazionale aspettare. Io ufficialmente sono ancora sotto contratto (con il Bayern Monaco, ndr), altri stanno lavorando ed è giusto aspettare per valutare il lavoro di Di Biagio nella Nazionale maggiore. Se ho sentito Costacurta? Lo sentivo anche prima che diventasse vice-commissario e questo non ci impedisce di sentirci... L'idea sarebbe allenare tutti i giorni, solo questo è il dubbio, ma accettare la Nazionale non significherebbe smettere di allenare: guardate Antonio Conte, basta fare questo esempio... Quando ci sara' una nuova panchina? Non lo so, non dipende da me".

Chiusura dedicata a Gianluigi Buffon: "Sarei più sorpreso se smettesse, la mia idea vedendolo, conoscendolo e sentendolo parlare è che continui. Mi sembra ancora motivato e molto presente. Se fa bene di Biagio a convocarlo? Di Biagio fa sempre bene".