Aurelio De Laurentiis è uno dei principali protagonisti mediatici del mercato italiano. Ai microfoni di Radio Kiss Kiss il presidente del Napoli ha voluto chiarire alcune voci riguardanti le possibili operazioni della squadra campana, che in molti avevano designato come probabile regina del mercato dopo l'arrivo di Ancelotti, ma che sembra essersi arenata dopo l'arrivo di Verdi. De Laurentiis ha chiarito: «Non ho chiamato il fratello di Cavani. Al Matador non si negherebbe mai un appuntamento. Ma ciò non significa negoziare un suo ritorno al Napoli. Sarebbe impossibile. Il Psg lo valuta 58 milioni? Io non permetterei mai al Psg di recuperare quasi l'intera cifra con cui l'hanno acquistato».

Mentre sul capitolo Rodrigo, brasiliano (naturalizzato spagnolo) del Valencia, il presidente del Napoli ha lanciato un monito chiarissimo ad Ancelotti: «Rodrigo è un bel profilo, ma abbiamo talmente tanti giocatori che sarebbe fare un torto agli altri. Carlo mi dovrebbe chiedere di cedere due o tre giocatori». Infine, De Laurentiis ha allontanato le voci riguardanti Koulibaly: «Non c'è bisogno di prove di rinnovo, fa parte della famiglia. È talmente educato che non ci sarà nessun tipo di problema da parte nostra».

Milan, sogno Badelj

Dopo aver superato l'insidia rappresentata dal TAS di Losanna e aver riconquistato un posto in Europa League, i rossoneri possono cominciare a programmare il proprio mercato. Montolivo non parte per la tournée e il sogno per sostituirlo resta Badelj: per l'ex Fiorentina c'è da battere la concorrenza dello Zenit, che per ora è in vantaggio. Leonardo è il nuovo direttore tecnico: per il brasiliano si tratta dell'ennesimo ritorno in rossonero, di cui è stato giocatore, allenatore e persino presidente della Fondazione Milan. Il suo nome fa sognare i tifosi, che sperano ora nell'attaccante centrale di peso che andrà a sostituire Andre Silva e Kalinic. Il sogno di Leonardo resta Higuain se non dovesse andare al Chelsea di Maurizio Sarri.

Guardiola: no a Pjainc

Il Manchester City non è interessato a Miralem Pjanic, almeno secondo quanto riportato dal Mirror. Stando al tabloid inglese il bosniaco non è un obiettivo di Guardiola. Da Londra, invece, continuano a corteggiare Rugani e Higuain. La trattativa che sta portando avanti il Chelsea con la Juventus per regalare a Sarri due suoi pallini è ancora in uno stato embrionale: il difensore e l'attaccante sono stati convocati da Allegri per la tournée americana e, al momento, sono a tutti gli effetti ancora bianconeri.