Un anno di inibizione per il presidente della Juventus Andrea Agnelli e 300.000 euro di multa al club bianconero: questa la sentenza del Tribunale nazionale della Federcalcio per i rapporti non consentiti con gli ultrà. Nella sentenza si legge che Agnelli aveva "agevolato e, in qualche modo avallato o comunque non impedito le perduranti e non episodiche condotte illecite di Calvo, al dichiarato fine di mantenere rapporti ottimali con la tifoseria", in particolare per la cessione di biglietti e abbonamenti.

Il capo della Procura Figc, Giuseppe Pecoraro, ha dichiarato all'Ansa: "Sono parzialmente soddisfatto perché siamo riusciti a provare la colpevolezza di tutti, ma i fatti sono talmente gravi che secondo me andavano sanzionati di più: per questo presenteremo ricorso". La Procura Federale aveva chiesto trenta mesi per il presidente bianconero. Anche la Juventus, in una nota, ha annunciato che farà ricorso contro la sentenza del Tribunale della Figc.