Al termine della gara persa in casa dalla Roma contro l'Inter per 3-1, il tecnico giallorosso Eusebio Di Francesco non ha nascosto il suo rammarico ai microfoni di Sky Sport. Queste le sue dichiarazioni:

Vi aspettavate l'utilizzo del VAR sull'episodio del presunto rigore?
"Credo che sia stato usato da quello che mi hanno detto i giocatori, però hanno deciso di non dare il rigore. Non mi piace parlare degli episodi arbitrali, l'errore ci sta, però perché dare il corner? E' stata una cosa assurda che è stata rivista ed hanno sbagliato. Pensavo che allenando la Roma qualche attenzione in più ci fosse. Abbiamo fatto 70 minuti da grande squadra, i ragazzi mi sono piaciuti".

Rimpianti, a parte i tre pali?                                    
"Tre pali non sono pochi. La squadra mi è piaciuta nell'andare a recuperare la palla aggredendo l'Inter, con il baricentro in avanti. La difesa mi è piaciuta fino al gol del pari, dove ci siamo mossi male: una squadra forte non deve disunirsi dopo quel gol, avendo dominato per 70 minuti. Il risultato però dice che abbiamo perso, ci lecchiamo le ferite, ma sono contento della prestazione. A Bergamo abbiamo giocato male e vinto, oggi abbiamo giocato benissimo per 70 minuti e il risultato dice altro: lo accettiamo e andiamo avanti".

E' un problema mentale o atletico?
"Mentale, abbiamo avuto la forza anche di ribaltarla, poi dopo il gol l'Inter ha trovato la forza di tornare avanti. Il non prendere gol sui nostri tre pali li ha aiutati a capire che potevano vincere".

Il problema quindi è stato mentale perché siete all'inizio della stagione?
"I ragazzi hanno assimilato bene come dimostrano i 70 minuti, poi ci sono situazioni su cui lavoriamo e dobbiamo muoverci meglio. Abbiamo pagato degli errori, loro ne hanno fatti più di noi e non li hanno pagati: questa è stata la differenza. Avendo giocatori esperti noi dobbiamo essere capaci a rimanere in partita. Ci sta un calo fisico, ma non guardiamo solo gli ultimi 20 minuti, perché se vediamo il resto della gara l'Inter doveva prendere 5 gol, invece dei complimenti: questo è il calcio, bisogna accettarlo. Contenti della prestazione, considerando che abbiamo adattato a destra Juan Jesus che fino ad un certo punto ha fatto molto bene".

Il primo gol è stato preso in maniera ingenua…
"Jesus è mancino, quindi si chiude sulla pressione che viene dall'interno: il movimento tra i centrali poteva essere fatto diversamente, Fazio non doveva accorciare perché così ha dato spazio ad Icardi, poi Manolas è scivolato. E' un errore di linea".

Avete acquistato Schick?
"La società non mi ha comunicato nulla. Comunque è un ottimo calciatore".