Seconda vittoria di fila per la Roma Primavera, dopo il doppio ko di Bologna e Firenze,  che negherà la finale di Coppa Italia: domenica la squadra di De Rossi aveva battuto 3-0 la Juventus, ieri 4-0 a Bogliasco contro la Sampdoria. Decisivo Voelkerling Persson, con la prima doppietta nella categoria, nel tempo di recupero, con i doriani già in dieci, vanno a segno anche Volpato e Missori, che aveva iniziato in panchina perché De Rossi aveva confermato Louakima, dopo la doppietta contro i bianconeri. Rispetto a quella gara cambia solo l'esterno sinistro: Rocchetti è influenzato, gioca Oliveras. Avvio lento, la prima occasione arriva solamente al 15', quando un rilancio sbagliato da Bonfanti manda al tiro Volpato, il suo sinistro dalla lunetta manca di poco il palo.

Alla mezz'ora la Roma rischia per un appoggio sbagliato con i piedi di Mastrantonio: Di Stefano intercetta al limite ma viene contrastato in maniera regolare da Vicario, la palla arriva a Montevago che va al cross dal fondo, respinto da un difensore sul primo palo, ma per l'arbitro la palla aveva già varcato la linea di fondo. Nuova occasione per la Samp un paio di minuti dopo: Bonfanti va al cross da trequarti, Chilafi è solo, da posizione angolata ma non troppo, e calcia sull'esterno della rete. Keramitsis prova a rendersi pericoloso di testa su angolo di Volpato, buona l'elevazione ma la deviazione è troppo centrale, al 40' Volpato indovina il passaggio filtrante per l'inserimento sulla fascia di Oliveras, che sorprende la difesa, cross basso e deviazione vincente di Voelkerling Persson, che vale l'1-0. Chilafi si inserisce molto bene in area palla al piede, saltando tre avversari.

Doppio cambio

A inizio ripresa tornano in campo due titolari, Tripi, che aveva lasciato la fascia di capitano a Morichelli, e Ndiayè, tirano il fiato Tahirovic e l'ammonito Keramitsis, giallorossi subito pericolosi con un cross di Louakima per Oliveras, ma il suo tiro viene ribattuto. Al 4' però proprio il neo-entrato Tripi lancia un gran filtrante da centrocampo, Voelkerling passa in mezzo tra Bonfanti e Migliardi, e la tocca di prima con il destro, infilando da fuori area Saio, facendosi passare dalla panchina la maglia numero 12 del portiere Berti, che per un brutto infortunio dovrebbe aver già chiuso la stagione (e l'esperienza in giallorosso). Prima doppietta in Primavera per il centravanti svedese, che prima di ieri aveva segnato 12 gol - 10 in campionato, due in Coppa Italia - in 12 partite diverse. Al 18' tira il fiato pure lui, al suo posto entra Satriano, che va a fare coppia con Cherubini. Volpato salta Migliardi e va al tiro con il destro, ma non è il suo piede e si vede: Saio blocca senza problemi. Missori prende il posto di Oliveras, adattandosi a sinistra (poi si invertirà con Louakima), la Samp prova a rendersi pericolosa con il solito Chilafi, che si libera per il destro da fuori, deviato sul fondo da un compagno, Montevago.

Ci prova anche con il sinistro, il numero 25 doriano, sempre da fuori, ma la mira è meno precisa, poi lascia il campo, insieme a Villa: entrano Musso e Spatari, attaccante alla prima convocazione. Ma non c'è tempo di valutare l'efficacia della mossa: al 36' Somma salta Vicario e poi si lascia cadere, l'arbitro lo ammonisce per simulazione, era il secondo e via sotto la doccia. E nell'azione successiva bel cross di Cherubini per la testa di Volpato, che colpisce la traversa, ma era fuorigioco. De Rossi regala qualche secondo allo sloveno Feratovic, un titolare che si era fatto male alla quarta giornata, il 26 settembre, la Samp si rende pericolosa con un cross del mancino Migliardi, ma Di Stefano non riesce a deviare verso la porta. Al 90' Volpato premia l'inserimento di Ndiayè, dribbling stretto nel cuore dell'area e buon tiro di sinistro, Saio mette in angolo. È un recupero intenso: prima Satriano ci prova da fuori, mandando a lato, poi Tripi mette in mezzo per Volpato, che solo a centro area controlla e calcia sul primo palo, trovando il tris, al 93'. L'arbitro prolunga il recupero, Volpato serve Cherubini che va al cross da sinistra, sul secondo palo sbuca Missori e spinge in rete il pallone del 4-0. Sabato alle 15 si torna in campo, a Ferrara contro la Spal.