Alberto De Rossi, tecnico della Primavera, ha parlato ai microfoni di Roma Tv alla vigilia del match di Youth League contro i danesi del Midtjylland. Ecco le sue dichiarazioni:

"L'allenamento ha confermato le cose viste in precedenza. I ragazzi stanno bene e sono motivati. È una manifestazione che è cresciuta molto, questa visibilità attira tecnici e ragazzi. Siamo tutti molto concentrati".

Si respira aria di Europa?
"Si respira quello che è: la Youth League ha un'importanza fondamentale. A parte il campionato, che è la manifestazione principale, questa fa crescere lo staff e i ragazzi. Incontri squadre che giocano in modo diverso e perciò è un momento molto emozionante. È per questo che i ragazzi sono così motivati. Non vorrei che scegliessero tra Italia ed Europa, ma inevitabilmente è così"

Cosa è cambiato rispetto alla fase a gironi?
"Vorrei che non ci fossero più aspetti negativi, invece a Verona si sono ripresentati. Una crescita di squadra c'è stata ma c'è ancora la mentalità di accontentarci. Vorrei che questo non accadesse".

L'assenza di Celar?
"L'abbiamo tenuto come fuoriquota in campionato ma abbiamo già giocato senza di lui in campionato e per tutto il girone di Youth League. Perdi qualcosa in struttura, ma Bucri ha fatto molto bene. Riteniamo inoltre di aver potenziato la rosa con Estrella, è molto alto e prestante e sta migliorando la vena realizzativa. Siamo coperti sotto questo aspetto, anche se Celar lo vorrebbe chiunque".

Cosa teme di più degli avversari?
"Vado contro corrente, dobbiamo temere la tradizione del Midtjylland. L'ho già incontrato al Torneo di Viareggio, pareggiammo in una gara tirata. Guardandosi intorno, questa è una piccola Coverciano e questo la dice lunga sull'importanza che questa nazione riveste. È una squadra di riferimento in Danimarca, lo conosciamo molto bene. Temiamo questo e la loro struttura, sono giocatori di grande talento e giocano a viso aperto, vogliono segnare un gol di più. Ci sono molti argomenti per prenderli con le molle. Sarà una partita equilibrata e spettacolare".