Femminile, Simonetti: "Con la Juve abbiamo capito di dover lavorare ancora di più"

La centrocampista della Roma: "Mio fratello gioca in Primavera e spesso ci consigliamo. Mi piace sacrificarmi in fase difensiva, ma anche cercare il gol"

Flaminia Simonetti, di LaPresse

Flaminia Simonetti, di LaPresse

La Redazione
24 Ottobre 2018 - 18:42

Flaminia Simonetti è intervenuta ai microfoni di Roma Tv. La centrocampista della Roma ha analizzato l'impatto della sconfitta contro la Juventus e guardato avanti alle prossime sfide. Ecco le sue dichiarazioni.

"Sono una centrocampista e mi piace giocare tanto la palla. Mi sacrifico per le mie compagne in fase difensiva e mi inserisco anche in avanti. Mi piace partecipare alle azioni da gol. Sicuramente quando ho saputo che la Roma avrebbe fatto la squadra femminile sono stata contenta perché è sempre stato un a dei miei sogni quello di nella sezione femminile della squadra che ho tifato sin da bambina. Una cosa emozionante, mi sono allenata al meglio per avere l'opportunità di partecipare al progetto. Mio fratello gioca in Primavera e fa un po' strano perché è il nostro primo anno: abbiamo stesso vestiario, gli stessi orari, spesso ci diamo dei consigli e guardiamo le partite a vicenda.

La partita con la Juve c'ha dato consapevolezza che per arrivare a certi livelli c'è molto da lavorare, più di quanto fatto fino ad ora. Abbiamo avuto un avvio difficile con tre sconfitte di cui due  scontri diretti e poi la Juve. C'ha un po' destabilizzato, fare punti con un squadra nuova fa sempre morale e sarebbe importante anche per la classifica. Loro (la Florentia, prossimo avversario in campionato ndr) hanno avuto tempo per conoscersi e prepararsi e vengono da una striscia positiva. Avranno un atteggiamento diverso rispetto a questa estate. L'obiettivo è fare piuù punti possibili perché affronteremo squadre alla nostra portata. Questo campionato competitivo imprevedibile ed è proprio questo il bello. Lavoriamo bene per avere i punti ogni partita. La squadra è nata quest'anno, molte di noi giocavano già insieme o nel club o in Nazionale, abbiamo fatto meno fatica a conoscerci. Simo ragazze tranquille, un bel gruppo affiatato, ci incoraggiamo e questa sarà un'arma che ci aiuterà molto".

© RIPRODUZIONE RISERVATA