La Roma comanda ma si distrae e chiude quinta in campionato, il Napoli rimonta e certifica la salvezza. Finisce 2-2 la gara valida per l'ultima giornata di Serie A Femminile allo Stadio Caduti di Brema, con tante emozioni (positive e negative) e degli episodi decisivi. La squadra di Pistolesi parte forte e si vede annullare un gol dopo 1', ma poi le giallorosse, con Andressa in campo da titolare insieme a Greggi ed Erzen nel 4-2-3-1 (riposo in ottica Coppa Italia per Giugliano, Soffia e Serturini), alzano la testa e prendono il controllo della gara. Davanti tanti errori tra Lazaro e Thomas in fase di finalizzazione, ma al 21' arriva il vantaggio. Andressa, che poco prima aveva colpito una traversa su punizione, batte un angolo sul secondo palo dove si avventa Linari per l'1-0.

Prima della fine del primo tempo Thomas sfrutta di testa la pessima uscita di Perez , ma si vede negare il raddoppio sulla linea da Cameron. Un raddoppio che però arriva al 61': grande giocata di Andressa per liberarsi nell'area avversaria, appoggio per Thomas che non può sbagliare. Nel momento in cui subisce il 2-0 però il Napoli si riassesta. Pistolesi è da poco passato al 4-4-2, inserendo Cafferata e Rijsdijk, ottenendo l'effetto sperato.

Al 64' la prima si libera a destra sfruttando una ripartenza, crossa al centro per l'olandese che batte Ceasar. Il Napoli, galvanizzato dalle notizie del vantaggio della Fiorentina sul San Marino (diretta contendente per la salvezza), trova un nuovo equilibrio difensivo. Le giallorosse accusano il colpo e non riescono a incidere con le conclusioni di Ciccotti e Corelli. Nel finale poi succede di tutto. Proprio Corelli concede un penalty a due dal 90' che Huchet non sbaglia per il 2-2. 2' dopo Serturini, entrata da poco, è colpita da Perez in uscita. La numero 15 deve lasciare il campo in barella e con il collare (verrà riscontrata una concussione cerebrale, ma non sembra a rischio per il 30) ma per l'arbitro non è rigore. Il direttore di gara però un penalty lo concede anche alla Roma, per il fallo di mano di Goldoni in area. Al 96' dal dischetto va Giugliano, ma sbaglia. Forse un sintomo della distrazione della Roma, già concentrata sulla finale di Coppa Italia contro il Milan

Paura per Serturini, ma la Tac è negativa

«Per fortuna ho la testa dura». Annamaria Serturini tranquillizza tutti su Instagram dopo il grande spavento per il colpo subito al 90' contro il Napoli. Non è partita titolare per rimanere a riposo in vista della finale di Coppa Italia del 30 maggio, ma Bavagnoli l'ha messa dentro a 4' dalla fine. Arrivata in netto anticipo rispetto alle avversarie su un pallone in area di rigore, la numero 15 è stata colpita duramente dal portiere Perez in uscita. Paradossalmente l'arbitro non ha concesso il rigore, ma la giallorossa è stata costretta ad abbandonare il campo in barella e col collare. Subito degli esami in ospedale, poi una tac in una clinica vicina per verificarne le condizioni. «Tac negativa - ha scritto sui social - grazie mille a tutti per i messaggi ed il supporto. Mamma e papà me l'hanno sempre detto ma oggi ho avuto la conferma». Solo un forte colpo e grande spavento quindi. Al momento non dovrebbero esserci problemi per la sua presenza contro il Milan il 30, chiaramente verrà valutata nelle prossime 48 ore, per avere poi un quadro completo martedì alla ripresa degli allenamenti.