La Nazionale azzurra tornata dal Mondiale francese ha incontrato oggi al Quirinale il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Tra le italiane presenti c'erano anche le due giallorosse Elisa Bartoli, capitano della Roma Femminile, e Annamaria Serturini, esterno della rosa di Betti Bavagnoli. Le due calciatrici hanno rilasciato al termine dell'incontro una dichiarazione ai microfoni di Roma TV in merito al movimento in forte crescita del calcio femminile e della loro esperienza al Mondiale. Di seguito le loro dichiarazioni.

Le parole del capitano giallorosso Elisa Bartoli: "Siamo soddisfatte anche se uscire ai quarti è stato un dispiacere, ma se poi andiamo a vedere tutto il risultato è stato un mondiale vinto. Vedere tutte queste persone che ci hanno seguito, tutti questi messaggi, tutto questo amore non ce l'aspettavamo, quindi possiamo dire che il nostro mondiale l'abbiamo vinto. Credo ci sia stata già una bella svolta, ci sono più investimenti e c'è più visibilità che potrà mandare avanti il calcio femminile e il movimento".

Le parole di Annamaria Serturini: "Giocare il Mondiale era un sogno che avevo nel cassetto e l'ho coronato nell'ultima partita. Mi porto da questa esperienza tutte le emozioni provate e gli insegnamenti del mister. Durante questa esperienza sono riuscita a rubare alle grandi calciatrici qualcosa per poter ripartire al meglio. L'Olanda è fortissima e sapevamo sarebbe stata difficile, anche l'orario sicuramente non ci ha aiutato, giocare alle tre è stato davvero difficile. Noi abbiamo vinto comunque perché abbiamo vinto nel cuore degli italiani, abbiamo fatto innamorare una nazione intera. Questa è la nostra più grande vittoria.  È vero che le altre squadre sono più avanti ma abbiamo comunque già ottenuto tanto, il professionismo è vicino".