Quasi d'improvviso. Soltanto lo scorso ottobre la Roma era quasi fuori dalla lotta Champions, oggi alle 14.30 sfida la Juventus per raggiungerla in vetta alla classifica di Serie A. In mezzo ci sono 9 vittorie di fila e la crescita della mentalità giallorossa, che hanno dato frutto quando le bianconere hanno calato il ritmo con una vittoria nelle ultime tre gare. Per la squadra di Spugna, per la prima volta così in alto a questo punto della stagione, l'incontro con le campionesse d'Italia arriva nel pieno di una serie di partite determinanti per la stagione, ma al di là dell'infortunio di Ciccotti (stagione finita per lei) le condizioni fisiche e morali sono ottimali. «È una partita che siamo contenti di andare a giocare in queste condizioni - ha dichiarato ai canali ufficiali del club il tecnico romanista - ci sono ancora tante gare da giocare, ma è il big match del momento. Abbiamo tanta voglia di fare una grande gara, ce lo meritiamo. Ci dispiace tanto per Claudia perché stava rientrando in condizione, vogliamo fare bene anche per lei». I precedenti in campionato vedono la Juventus nettamente favorita (6 vittorie a 0) e Spugna non vuole abbassare la tensione, facendo anche tesoro della buona prova nel 2-0 sull'Inter: «Loro hanno tante soluzioni, le abbiamo anche noi. Sarà una partita in cui dovremo cercare di tenere il controllo nelle due fasi, come abbiamo fatto domenica. Poi vedremo, abbiamo qualche arma per metterle in difficoltà, ma dovremo avere rispetto: sono ancora davanti e comandano il campionato da quattro anni».

Per giocare lo scontro Scudetto, Spugna dovrebbe affidarsi nuovamente al 4-2-3-1, con l'unico dubbio sul centrale difensivo da affiancare a Linari: potrebbe confermare Bartoli o schierare Kollmats (out con l'Inter per influenza), spostando il capitano sull'esterno. In mediana spazio a Greggi e Giugliano, con la trequarti composta da Haavi, Andressa e Serturini. In attacco spazio ancora a Lazaro, con una nuova arma dalla panchina: Sophie Haug è stata convocata per la prima volta e potrebbe esordire a gara in corso. La Juventus dovrà fare a meno di Hurtig in attacco (al suo posto in campo possibilità per l'ex Bonfantini), mentre rientra Staskova: «Ho visto subito dalle ragazze un cambio di atteggiamento - ha dichiarato Montemurro - un gruppo che si è riunito e che vuole superare la situazione». Una Roma al top contro le bianconere vogliose di rivalsa: è una delle partite più importanti della storia giallorossa e in generale di questo campionato.
La sfida sarà trasmessa in chiaro su La7 e, per importanza e qualità, ha attirato oltre 100 televisioni da tutto il mondo, collegate con Vinovo per seguire il primo duello scudetto con la Roma protagonista.