Paulo Fonseca ha incontrato i giornalisti in conferenza stampa a Trigoria alla vigilia di Atalanta-Roma, gara prevista per domani alle 20.45. Si tratta di uno scontro diretto per la corsa Champions, ecco le parole del tecnico:

All'andata la partita fu in equilibrio, domani che partita si aspetta?
"Una gara difficile, loro sono molto aggressivi ma hanno anche grande qualità. Sono forti, hanno grandi giocatori e un grande allenatore. È una partita difficile"

Sta pensando a qualche cambio di tipo tattico?
"Vediamo domani, abbiamo cambiato il sistema in altre partite. L'importante è non cambiare i nostri principi di gioco. So che in questo momento dopo due sconfitte tutto è messo in dubbio. Ma quando noi crediamo nel nostro lavoro e abbiamo fatto tante partite belle, quindi non tutto era sbagliato".

Sta pensando di riportare Mancini a centrocampo?
"È una possibilità. Abbiamo fatto buone partite con lui da centrocampista, è una forte possibilità".

Tra i nuovi Perez ha fatto vedere cose buone, è già pronto per giocare titolare?
"Devo essere onesto, Carles ha fatto una buona partita quando è entrato contro il Bologna. È un ragazzo che sta capendo com'è il calcio italiano. È molto diverso rispetto a come si gioca in Spagna. Penso che questa partita è molto particolare e magari non è il miglior momento per farlo giocare. È una partita di grande responsabilità, non è facile che giochi dall'inizio domani".

Petrachi ha detto che dopo il derby avete perso umiltà, è d'accordo?
"Io so che oggi ci saranno molte domande sulla conferenza del mio direttore sportivo. Io sono totalmente concentrato sulla partita di domani, non voglio commentare le parole di Petrachi. In questo questo momento non ci sono problemi o divisioni, lavoriamo solo per fare una buona partita domani".

Bruno Peres si sta ritrovando, per le sue qualità potrebbe giocare anche più avanti?
"È difficile, dovrebbero cambiare troppe cose nella nostra squadra. Anche perché in questo momento ci serve Bruno Peres come terzino".

Ünder e Kluivert stanno trovando poco spazio. Cosa pensa dell'introduzione del Var Challange?
"Sono sempre a favore di quello che può migliorare il calcio ma devo confessare che non ho capito bene questa questione. Magari è meglio aspettare per poterne parlare. Su Under e Kluivert: hanno fatto buone partite. Kluivert dopo l'infortunio non è tornato sui livelli di inizio stagione, Under dopo l'infortunio di Zaniolo ha fatto un paio di partite buone. In questo momento penso che abbiamo bisogno di esperienza nella squadra, per i giovani è più difficile in un momento come questo".

Se Mancini si sposterà a centrocampo giocherà Cetin o Fazio? Bruno Peres giocherà titolare?
"Vediamo domani. Ma c'è una buona possibilità che questi tre possano giocare. Ho ancora qualche dubbio ma è una possibilità".

Lei spesso parla di coraggio, venerdì scorso dopo il Bologna lei ci ha detto che la squadra ha paura. È lei che non è riuscito a trasmettere coraggio o sono i giocatori che non sono coraggiosi per il suo gioco?
"Nella mia squadra ci vuole sempre coraggio e credo che spesso questa squadra ha spesso dimostrato coraggio, anche in alcune sconfitte. Con la Juve in 8' abbiamo preso due gol e senza coraggio contro un avversario del genere rischi di prendere tanti gol, invece la squadra ha reagito. Anche a Torino, con un risultato molto negativo, la squadra abbia giocato coraggio. L'ultima sconfitta è figlia del risultato col Sassuolo, la squadra ha accusato molto quel risultato. Abbiamo poca tranquillità e lasciamo l'iniziativa all'avversario. Per me il problema arriva dalla partita con il Sassuolo. Io ho giocato a calcio ed è facile capire quando succede questo".

Giocherete contro una squadra che pressa moltissimo, sarà importante pensare in fretta nell'impostazione del gioco?
"Sì, è una questione veramente importante in questa partita. Non avremo molto tempo per pensare e dovremo avere decisioni veloci. È una squadra che fa una pressione fortissima e recupera molti palloni partendo in contropiede. Non possiamo avere molto tempo per decidere, abbiamo lavorato su questo. Sarà importante interpretare bene questa fase per fare una buona partita".

Come sta Diawara? Mkhitaryan dove rende meglio secondo lei?
"Penso che Mkhitaryan è un giocatore molto importante, con buone capacità di decisione. Può giocare come ala o come trequartista e in un sistema diverso può giocare anche nei due davanti. È uno dei giocatori più intelligenti che ho conosciuto. Diawara sta migliorando giorno dopo giorno, penso che la prossima settimana può essere decisiva. Parla con lui tutti i giorni e speriamo che la prossima settimana possa tornare in gruppo per vedere realmente come sta. I segnali sono molto positivi".