Dopo aver accettato la sfida di guidare il Valladolid verso la risalita in Serie A, Miguel Ángel Gómez affronterà nel prossimo turno di campionato una sorta di derby contro il Betis. Intervistato da Radio Marca Sevilla, il direttore sportivo biancoviola ha parlato anche della sua militanza al Siviglia al fianco di Monchi, elogiando l'attuale dirigente della Roma. "La partenza di Monchi mi ha spiazzato, prima di tutto perché è un amico, un punto di riferimento e lo considero quasi come un fratello. E' falso che ho deciso di lasciare il club perché non mi hanno proposto come suo sostituto, nelle riunioni di quei giorni non ho mai chiesto di diventare il direttore sportivo. Sono stato molto felice lì e la chiave di tutto è proprio la felicità e il sentirsi valorizzato. Se Monchi non fosse andato via, sarei rimasto. Lo seguirei in campo al mondo, ma le condizioni del suo addio ci hanno impedito di andare con lui". In questi giorni si parla molto di un interessamento di Barcellona, Manchester United Psg per il ds romanista. "Sono sicuro che tornerà al Siviglia, non so in quale veste. Ama questo club come nessuno, lo segue de è costantemente informato. Joaquín Caparrós e il suo team stanno facendo un ottimo lavoro, sono primi in classifica e questo va apprezzato in un ambiente di instabilità".