Ormai è cosa fatta fra El Shaarawy e lo Shangai Shenhua, squadra della città di Shanghai in Cina. Dopo un lungo corteggiamento, l'attaccante esterno aveva dato una frenata alla trattativa, ma sono stati proprio i cinesi a tornare alla carica in questi giorni e convincere il Faraone a firmare con loro un contratto, è proprio il caso di dirlo, faraonico: 40 milioni netti per tre stagioni. Questo è quanto percepirà il numero 92 nella sua nuova avventura, mentre alla Roma andranno poco meno di 20 milioni.

Visualizza questo post su Instagram

FT Shenhua 1-3

Un post condiviso da Shanghai Shenhua (@shanghaishenhua) in data:

La storia

Lo Shanghai Lüdi Shenhua Zuqiu Julebu, conosciuto come Shanghai Greenland Shenhua F.C., nasce nell'ottobre del 1951 con il nome di East China con sede a Shanghai. Gli inizi della squadra nel campionato cinese sono piuttosto positivi, con piazzamenti costanti nelle prime posizioni a cui venivano alternate posizioni più basse. Dopo alcuni cambi di proprietà e numerosi cambi di nome, lo Shanghai raggiunge il suo apice dopo il 2007, quando il presidente della squadra rivale, lo Shangai United, compra il club e fonde insieme le due società. Nel 2014 il club viene acquistato dalla Greenland Holding Group, che ne cambia il nome in quello attuale. La squadra dal 1999 gioca le gare casalinghe nell'Hongkou Stadium, che può contenere circa 33.000 persone. Sono stati molti gli allenatori dello Shanghai, ma negli ultimi anni la dirigenza ha cercato di dare un taglio più europeo allo stile di gioco del club, confermato dalla presenza in panchina di Quique Sanchez Flores, ex tecnico dell'Espanyol.

Il mercato europeo

Lo Shanghai ha cominciato ad interessarsi al mercato europeo nel 2011, quando nel mercato estivo arrivò Nicolas Anelka dal Chelsea. Dopo il francese, furono altri i calciatori che approdarono alla squadra cinese come Didier Drogba, l'ex Juve Mohamed Sissoko, Fredy Guarin, Obafemi Martins e Carlos Tevez.

Curiosità

La squadra, affiliata all'Arsenal, nel 2011 è finita nello scandalo del calcio scommesse quando il manager generale dello Shanghai Shenuha corruppe un arbitro per il derby contro lo Shanghai International, vinto 4-1.