le trattative

Mercato: Galatasaray su Diawara Atalanta, no per Pasalic

Pinto a Milano ha incontrato gli emissari del club turco: lo vogliono in prestito, ma il General Manager punta alla cessione. Percassi dice no a El Shaarawy e Perez

Diawara che si allena a Trigoria (As Roma via Getty Images)

Diawara che si allena a Trigoria (As Roma via Getty Images)

14 Luglio 2022 - 10:30

Annunciazione, annunciazione: il Galatasaray vuole Amadou Diawara. Ieri, a Milano, Pinto (che non si sa ancora quando raggiungerà Mourinho e la squadra in Algarve) ha incontrato gli emissari del club turco. Prendendo atto, pare, dell’intenzione dei turchi di portare a Istanbul, dopo Sergio Oliveira, anche Amdadou Diawara. È filtrato poco e niente dall’incontro, ma per quel poco che siamo riusciti a sapere, i turchi vorrebbero il centrocampista in prestito più o meno oneroso con un diritto di riscatto. Indipendentemente dalla cifra dell’eventuale riscatto, Pinto ha fatto capire che l’intenzione della Roma è quella di cedere definitivamente il giocatore, quindi niente diritto, semmai obbligo. Solo su queste basi si può trattare. Si tenga presente che, oggi come oggi, il peso a bilancio del guineano dice circa nove milioni (tra dodici mesi sarà la metà). Difficile, se non impossibile, immaginare che in questa sessione di mercato, il club turco possa garantire i nove milioni necessari per evitare una minusvalenza (Sergio Oliveira, per dire, lo hanno pagato tre milioni e mezzo). Più immaginabile che, tra dodici mesi, possano garantire i quattro milioni e mezzo necessari per evitare un’operazione economica che sarebbe veleno per i conti giallorossi. Certo se Pinto, con Villar vicinissimo al Monza, riuscisse a piazzare anche Diawara, risolverebbe le questioni dei due giocatori che, di fatto, sono stati messi fuori rosa, un po’ come accaduto un anno fa con Santon e Fazio.

Qualche voce in chiave acquisti per la Roma, ieri è circolata tra Milano e dintorni. Ci sono state infatti conferme a proposito di una richiesta (nel corso di un incontro di due giorni fa tra Pinto e il presidente dell’Atalanta Percassi) per Pasalic. Giocatore che a Trigoria ritengono giusto per andare a coprire il buco (tecnico e tattico) lasciato da Mkhitaryan. Il club bergamasco ha però detto no, anche a fronte dell’offerta della Roma che sul piatto ha messo El Shaarawy (o Carles Perez più soldi). 

Altro nome che ieri è circolato, anzi ricircolato, per la Roma è quello del difensore centrale (di piede sinistro come è nel caso la preferenza della Roma) Marcos Senesi, argentino con passaporto italiano, contratto in scadenza nel giugno del prossimo anno, richiesta del Feyenoord superiore ai quindici milioni di euro. Il procuratore del giocatore, Pablo Sabbag, nei prossimi giorni sbarcherà in Italia per trovare una nuova sistemazione al suo assistito (lo abbiamo visto nella finale di Tirana). La Roma che un’idea in testa per prendere un quinto centrale difensivo ce l’ha, l’argentino lo aveva trattato nel mercato del gennaio scorso. Senesi piace a Trigoria, ma la cifra richiesta viene considerata un’esagerazione. E con il Napoli che vuole l’argentino dopo l’addio a Koulibaly, sarà difficile pensare di poter far diminuire la richiesta degli olandesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA