Contatto contratto. Protagonista, come in campo, Nicolò Zaniolo. Che, l'estate scorsa, nel momento in cui si materializzò il suo trasferimento alla Roma, firmò un quinquennale che in questo primo anno gli garantisce uno stipendio da duecentosettantamila euro netti. Inevitabile, dopo che il ragazzino con la faccia da strafottente ha fatto vedere colpi da campione, che ci sia adesso bisogno di ridiscutere cifre e tempi di un accordo che era stato fatto a un giocatore che all'epoca non aveva un minuto di serie A nelle gambe. Monchi è il primo a saperlo, il secondo è Claudio Vigorelli, il nuovo procuratore del ragazzo, l'uomo che si può dire ha concretizzato il miglior affare di questo mercato, assicurandosi la procura di un talento destinato a una grande carriera. E allora i contatti per il contratto, sono già iniziati.

Volontà reciproca

Entrambe le parti partono con una certezza: si piacciono. Monchi e la Roma vogliono accontentare il ragazzo, Vigorelli e Zaniolo hanno tutti e due l'intenzione di continuare in giallorosso. Un primo contatto tra le parti è già andato in onda la settimana passata. Un contatto non proprio informale perché si sono cominciati a fare i numeri di un contratto che, se partirà dal primo luglio, sarà prolungato per ulteriori dodici mesi (2024, dodici mesi in più rispetto all'attuale, di più pure volendo le regole non lo consentono). Come pare non ci sia nessun tipo di problema a proposito di un non inserire una clausola rescissoria. È sull'aspetto economico che bisognerà trovare un'intesa. La base di partenza, come detto, è quella di un ragazzo che l'estate scorsa ha firmato un contratto da Primavera. Ovvero uno stipendio annuo, almeno per la prima stagione, che gli garantisce duecentosettantamila euro netti. È evidente, dopo quello che Zaniolo ha fatto vedere al mondo, come sia una cifra che deve essere rimodulata. Lo sa anche la Roma. Tanto è vero che nel primo contatto, Monchi ha fatto un per tre, arrivando a offrire un totale di poco inferiore al milione di euro netto. Ma è anche logico, come succede in qualsiasi contrattazione, che la prima cifra non basta mai. Ci sarà bisogno di un nuovo incontro, questa settimana, al più tardi la prossima, per trovare un punto d'incontro.

In sostanza, la Roma dovrà superare il milione di euro per garantirsi il nuovo quinquennale con il giocatore. Che si farà, senza se e senza ma, soprattutto per anticipare l'intromissione di qualche grande club che, magari, in queste settimane è rimasto a bocca aperta come noi di fronte alle giocate del ragazzo con la faccia da strafottente.  Monchi, peraltro, in questa vicenda può contare su un fattore determinante: Zaniolo vuole rimanere alla Roma. Perché ci sta bene e perché il ragazzo sa cosa voglia dire la parola riconoscenza. La società giallorossa gli ha dato una grande opportunità e lui questo aspetto non lo dimentica. Azzardiamo: Zaniolo firmerà il nuovo contratto con la Roma, scadenza 2024, ingaggio, a salire, partendo da un milione, un milione e duecentomila euro. E vissero tutti felici e contenti. Per ora, almeno.