Monchi a Cadice. Baldissoni a Londra. I giocatori si stanno godendo gli ultimi giorni di mercato. Trigoria, De Rossi a parte, più o meno deserta. E il mercato? La risposta è nella premessa. Compreso il De Rossi a parte. Nel senso che a Trigoria, dove i dirigenti torneranno lunedì prossimo, non hanno fretta, o perlomeno vogliono farlo credere, di chiudere operazioni di mercato. Un po' perché la fretta, si dice, è sempre cattiva consigliera, un po', soprattutto, perché gli ultimi segnali arrivati dalla squadra, la crescita di Cristante, lo stupore per Zaniolo, il rientro degli infortunati, le ultime due vittorie, le prospettive per un 2019 migliore della seconda parte dell'anno che abbiamo appena salutato, la convinzione che la squadra uscita dal precedente mercato estivo sia migliore di quello che ha fatto vedere, il quarto posto comunque ad appena due punti, hanno fatto maturare l'idea che chi va piano va sano e va lontano.

Le condizioni di De Rossi 

Nella lunga vigilia di questo mercato, si è parlato molto della necessità di intervenire, a fronte di qualche cessione, per acquistare un centrocampista e/o un difensore centrale. In questo ordine, cioè priorità al centrocampista. L'idea di acquistare un giocatore in mezzo al campo, c'è ancora, ma sulle sue caratteristiche, molto dipenderà dal recupero De Rossi. Il biondo di Ostia si sta allenando (in palestra, il campo ancora non lo ha visto) anche in questi giorni di vacanza, le sue condizioni sono segnalate in miglioramento, ma sarà necessario verificarne miglioramenti e progressi in una partita che conta. Solo in quel momento si capirà se Di Francesco potrà contare con continuità sul suo Capitano. Elemento fondamentale per capire come muoversi sul mercato. Dove, peraltro, giorno dopo giorno, continuano a fiorire nomi di giocatori che sarebbero sull'agenda di Monchi. Solo che quando vai a chiedere una conferma al dirigente spagnolo, la sua risposta è sempre del tutto negativa, l'ultima, per esempio, è stata per Obiang. Non è detto che sia la verità, sappiamo bene come le bugie siano parte integrante del mercato, fermo restando che l'arrivo di un centrocampista è strettamente legato alla partenza di qualcuno (Coric).

Tentazione turca

E allora preferiamo non fare una lista di nomi infinita sperando che, poi, uno di questi si riveli quello giusto. Ci limitiamo a fare il nome di un centrocampista che sicuramente piace a Monchi e che il dirigente spagnolo sta seguendo con sempre maggiore interesse. Si tratta di Oguzhan Ozyakup, ventisei anni, centrocampista centrale, cartellino di proprietà del Besiktas, contratto lungo, scadenza trenta giugno del 2022, e da quello che ci risulta avrebbe già dato il suo assenso al trasferimento per diventare compagno di squadra di Ünder, suo compagno in nazionale. È un nazionale turco, ma è nato in Olanda dove è cresciuto calcisticamente prima di passare, giovanissimo, all'Arsenal da dove, nel 2012, si è trasferito al Besiktas. Il costo del cartellino non dovrebbe andare oltre i dieci milioni di euro con Monchi che in questa trattativa potrebbe contare sull'appoggio del suo amico turco Bayram Tutumlu, procuratore di Olsen e uomo chiave nell'affare che portò Ünder a scegliere la Roma.