Bryan Cristante è intervenuto ai microfoni di Roma Tv  pochi minuti prima della seduta mattutina di allenamento. Queste le sue parole: 

Bryan, sei l'astro nascente del centrocampo italiano?
"Sinceramente non mi pesa troppo, ho dato sempre poco peso a questo, ho pensato solo alla mia crescita".

Come vedi i giovani della Roma come Kluivert e Coric?
"Hanno fatto una grandissima scelta. Chi è venuto alla Roma ha fatto bene, la Roma ti aiuta a crescere. Gente come Kluivert ha bisogno di crescere e ha fatto la scelta giusta. Nel mio caso era il Benfica in Portogallo, un'esperienza all'estero ti aiuta a crescere sia in campo che fuori. Ti ritrovi in un'altra nazione con grandi campioni in squadra. Devi crescere molto più velocemente. Secondo me hanno fatto la scelta giusta".

L'impatto con la nuova squadra?
"Ho trovato un ottimo gruppo, tutti ragazzi che hanno voglia di lavorare e di far inserire i giovani. Sono alla mano, hanno voglia di lavorare e di far inserire i nuovi giovani. Qui a Trigoria si lavora benissimo, il centro sportivo è nuovo e ha tutti i comfort".

Sulla passata stagione.
"Dopo i vari passaggi, ero maturo al punto giusto. Ho trovato una piazza che mi ha dato la possibilità di esprimermi al mio meglio. La stagione è nata così".

Le tue caratteristiche principali?
"I miei pregi sono il fisico, la corsa, l'inserimento. Sono un centrocampista offensivo. I difetti? Nel calcio il bello è che si può sempre migliorare in tutto, non ci si può mai adagiare e fermarsi. Se si ha una dote si può migliorare, se si ha un difetto si può limare. Col lavoro e con il campo si può sistemare tutto".

Un commento su Di Francesco.
"Mi sto trovando bene con le richieste del mister, fa un gioco al quale sono abituato e che mi piace, ora devo dare tutto in partita".

Su Roma.
"È una città grandissima, sappiamo le pressioni che ci sono. Abbiamo un'ottima squadra, possiamo fare benissimo quest'anno".

A centrocampo c'è molta competizione. De Rossi, Strootman, Pastore, Pellegrini e Coric. Come vivi questa competizione?
"Quando si arriva in grandi club è normale che ci sia competizione, nessuna sorpresa. Ci sono tante partite, ci sarà la possibilità per tutti per fare bene".

Nelle partitelle hai trovato un ambiente un po' frizzantino.
"Questo è l''ambiente giusto. Se non sono così, non si riesce a lavorare bene e non ci si allena". 

Questa mattina vi aspettano dei test intensi.
"Mi sa che il problema era più ieri che oggi, dopo ve lo dico... Stiamo lavorando bene, stiamo correndo tanto come è normale che sia nel ritiro. È giusto buttare un po' di benzina, lo stiamo facendo nel modo giusto".