Roma 2019-20 contro Roma 2020-21, un confronto piuttosto equo alla luce dei dati. Dopo 14 giornate della passata Serie A, la Roma del primo Fonseca si trovava al quarto posto in classifica con 28 punti guadagnati. Il dato è curioso se rapportato alla stagione in corso, nella quale i giallorossi si trovano al terzo gradino, nonostante la lunghezza in meno messa da parte. Le vittorie raggiunte dopo 14 giornate sono le stesse, 8, mentre variano sensibilmente i numeri relativi ai gol. La "vecchia" Roma ne aveva segnati 26, mentre quella odierna ne ha messi a segno cinque in più, stabilendosi a quota 31. Per quanto riguarda le marcature subite risulta invece migliore il dato raggiunto lo scorso anno, quando dopo 14 giornate i giallorossi avevano incassato 15 reti, contro le 23 subite nella stagione corrente. Il confronto basato sui match giocati tra le mura amiche vede vincitrice l'odierna formazione: 5 anzichè 4 le gare vinte all'Olimpico, 2 a 2 i pareggi e 0 sconfitte a 1, con anche il saldo reti a favore del secondo Fonseca: 18 quelle segnate e 7 quelle subite nella Serie A in corso, numeri migliori rispetto ai 15 fatti e 10 presi dell'anno passato.

La Roma ha migliorato nettamente anche il rullino di marcia in Europa League: quest'anno la qualificazione è stata agevole e il primo posto raggiunto con una giornata d'anticipo grazie ai 13 punti conquistati. Lo scorso anno, anche alla luce di un gruppo molto più impegnativo, i giallorossi erano passati ai sedicesimi da secondi, con 9 punti guadagnati in 6 partite. Nessun dubbio sui calciatori più maturati rispetto alla stagione 19-20: Mkhitaryan e Veretout. Oggi i due contano complessivamente 14 gol segnati (7 ciascuno) mentre allo stesso punto dello scorso anno ne avevano realizzati rispettivamente 2 e 1. Il trequartista armeno nella passata annata è però partito titolare solamente in tre occasioni contro le 13 di questo campionato. Chi non altera il rendimento, facendo della costanza il suo punto forte è il capitano della Roma, Edin Dzeko. L'attaccante bosniaco ha le stesse marcature di un anno fa, 6, ma avendo nelle gambe due gare in meno, saltate causa Coronavirus.