Sì, lo ha scritto veramente il virologo Roberto Burioni, rispondendo a un post su Twitter. Aveva detto che non avrebbe più parlato di calcio fino al vaccino per il Covid-19, dopo che qualche mese fa si era augurato di sciogliere la Roma, ma questo è il meno. Anzi è pure bello parlare di calcio, ed è pure bello lo sfottò, persino augurabile per non finire nell'ipocrisia e nella noia di un calcio senza emozioni. Ma non mancando di rispetto a chi ha sofferto e soffre per questa malattia. Non con questa superficialità, né con questa finta sorpresa per una "battuta" - così ha definito il tweet poi cancellato - che non ha fatto ridere nessuno.
PS C'è anche un refuso: Roma si scrive in maiuscolo.