Al termine della gara vinta per 5-1 contro il Bologna il capitano giallorosso Edin Dzeko ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni dei giornalisti. Tra gli argomenti trattati dal bosniaco anche il raggiungimento del terzo posto nella classifica dei migliori marcatori giallorossi di sempre. Queste le sue parole.

Dzeko a Sky

Sulla gara.
"Abbiamo fatto una partita di grande qualità soprattutto nel primo tempo. Giocare qui contro il Bologna è sempre difficile. Oggi abbiamo fatto tutto alla grande".

Con Pellegrini vi trovate a occhi chiusi?
"Io gli chiedo sempre di passarmi la palla, sono anche un po' pesantino. Ma ogni tanto ci conviene no? Ci capiamo molto bene, non solo con lui ma anche con gli altri giocatori. Oggi abbiamo fatto azioni incredibili sui gol".

Entri nella storia con 111 gol, sei al terzo posto all time.
Dovevano essere almeno 113. Sono contento per gol e prestazione di squadra. Sto molto meglio fisicamente dopo il Covid .Oggi ho sbagliato qualche gol, speriamo di averli lasciati per giovedì".

Qual è l'obiettivo in campionato?
"L'obiettivo è arrivare tra le prime 4. Non è facile, lo sappiamo bene. Gli ultimi due anni non siamo arrivati in Champions League ed è un peccato non arrivare in Champions visto la società e i tifosi. Però quest'anno abbiamo iniziato bene, bisogna guardare partita dopo partita. La vittoria di oggi va dimenticata e dobbiamo prepararci per Torino".

Dzeko a Roma Tv

Oggi entri nel podio dei marcatori all time nella storia della Roma, che effetto ti fa?
"Dovevo essere almeno a 113, da questo punto di vista non sono contento sicuramente ma speriamo che qualche gol di oggi l'ho lasciato a giovedì. Sono contento sempre di più di fare la storia della Roma ma oggi contava vincere, l'abbiamo fatto e siamo contenti".

Dopo il Napoli hai detto che sei uscito dal Covid e stavi recuperando, a che punto sei?
"Penso che ogni giorno in allenamento e in partita sto migliorando e mi sento di dire quasi al 100%".

La Roma non segnava da due partite in campionato, oggi una bella risposta.
"La partita contro il Napoli l'abbiamo dimenticata subito, contro il Sassuolo anche con un uomo in meno meritavamo di più, qualche occasione c'è stata ma siamo stati sfortunati. Oggi quando era ancora più importante dopo due partite non vinte, abbiamo vinto una partita molto importante soprattutto perché a Bologna è molto difficile".

Ha vinto il Napoli, l'Atalanta, l'Inter e la Roma, un campionato equilibrato.
"Siamo tutti lì su però per me contava vincere oggi e basta".