Per i più distratti, per quelli che hanno dimenticato troppo in fretta le belle prestazioni dello scorso anno, Alisson Ramses Becker è diventato un portiere importante solamente dopo la partita contro l'Atletico Madrid. I cinque campionati statali vinti con la maglia dell'Internacional, il debutto nella Seleçao avvenuto già prima di trasferirsi a Roma e il tentativo in extremis della Juve di soffiarlo al suo destino romanista non avevano alcun peso nei giudizi di chi era troppo impegnato a piangere la partenza di Szczesny. Alisson ha risposto sul campo, mostrando una maturità e una ponderatezza non comuni in un ragazzo di 25 anni, forgiato con cura anche da Daniel Pavan, preparatore dei portieri dell'Internacional che lo ha accompagnato passo dopo passo nel calcio dei grandi.

Per quanti anni ha allenato Alisson?

«Tra giovanili e prima squadra sono stato il suo allenatore per otto anni. Su dodici anni di permanenza nell'Internacional, otto li ha passati allenandosi con me. È arrivato in prima squadra con me, c'ero io quando è stato per la prima volta titolare e anche quando è stato convocato in Seleçao e questo mi rende molto orgoglioso». [...]

LEGGI L'INTERVISTA INTEGRALE SULL'EDIZIONE ODIERNA DE "IL ROMANISTA"