Il dottor Federico Manara, responsabile medico della Roma, ha rilasciato un'intervista al sito del club facendo il punto sulla situazione di Nicolò Zaniolo dopo l'intervento di ieri al ginocchio.

Come sta Nicolò? Come è andata l'operazione?
"Nicolò sta bene, l'operazione è stata completata con successo e la risposta iniziale [all'intervento] è stata buona."

Come sarà la sua riabilitazione?
"In questo momento è di nuovo in piedi e cammina con l'ausilio delle stampelle. Se la guarigione procede in linea con quanto stiamo vedendo, venerdì il giocatore tornerà in Italia e inizierà il suo programma di recupero a Trigoria ".

Tutti vogliono sapere del tempo di recupero: c'è una data in cui possiamo aspettarci di rivederlo in campo?
"Dato che il periodo di recupero per infortuni come questo è abbastanza standard, deve essere assolutamente chiaro che ogni atleta deve seguire il proprio processo. Premesso questo, non ci sarà nessuna pressione su Nicolò, soprattutto visto che è impaziente di tornare così com'è ".

Come funzionerà il processo di riabilitazione? Quante diverse fasi dovrà affrontare?
"La prima fase è legata alla guarigione della zona lesa. Dopodiché si passerà al processo di recupero della coordinazione e del tono muscolare nelle zone in cui si è perso - e poi la terza fase si concentrerà sul rimettersi a regime in campo. L'ultimo passo sarà poi ricongiungersi all'allenamento con i suoi compagni di squadra ".

È possibile che il processo di recupero per il primo infortunio sia stato completato troppo rapidamente?
"Assolutamente no. A luglio il giocatore ha completato una serie di test e valutazioni che hanno confermato la sua disponibilità a riprendere l'attività sportiva. Oltre a ciò, anche prima che partisse con la nazionale, all'inizio di questa stagione abbiamo fatto ulteriori test che hanno mostrato in quale ottima salute fosse il giocatore - e in entrambe le gambe, dove non c'erano segni di squilibrio muscolare tra loro."

Allora come si spiega un altro infortunio al ginocchio come questo?
"Non c'è alcun legame con l'intervento sull'altro ginocchio, motivo per cui non puoi considerarlo in alcun modo una ricaduta. Tuttavia, ci sono alcuni studi scientifici, incentrati su atleti della stessa età di Nicolò, che hanno mostrato un'elevata possibilità di subire lo stesso infortunio nell'altro ginocchio ".

Stiamo per iniziare una nuova stagione, con un programma fitto di appuntamenti e un breve periodo di preparazione: c'è un aspetto che ti preoccupa in termini di preparazione del carico di lavoro della squadra?
"All'interno del club c'è un livello di professionalità e collaborazione irreprensibile. Detto questo, non posso negare che ci siano alcune preoccupazioni per un calendario così intenso e compresso rispetto al normale, che vedrà gli atleti giocare ogni tre giorni quasi da qui fino a maggio. Inoltre, abbiamo molti giocatori che saranno coinvolti con le loro nazionali, con un campionato europeo alla fine di un programma così ricco. Nessuna competizione è stata cancellata e stiamo cercando di completare un calendario che normalmente richiederebbe 12 mesi in soli 10. Ed è chiaro che, riducendo i tempi di recupero e la quantità di allenamento tra le partite, aumenti il rischio di infortuni".