Col cento in poppa. Kevin Strootman ieri è tornato ad allenarsi in gruppo e sarà regolarmente a disposizione domenica sera, nella sfida contro la Juventus. Quando spegnerà le cento candeline sulla torta delle sue presenze in campionato con la Roma. Ovviamente spetterà a Di Francesco scegliere se schierarlo o meno dal primo minuto, ma l'olandese rientra a tutti gli effetti in squadra dopo la lunga assenza.

Fuori dal campo immediatamente dopo la sfida di Champions ad Anfield, nella quale ha subìto una forte contusione all'emicostato destro, il numero 6 ha dovuto rinunciare a disputare la semifinale di ritorno all'Olimpico, oltre alle due partite di campionato contro Chievo e Cagliari. Tornerà invece proprio nella gara di commiato stagionale dal pubblico dell'Olimpico, in uno dei match più sentiti dal popolo romanista, quello contro la Juventus. Che vuol dire tanto in termini di rivalità, ma anche di classifica. Chi fra le due squadre riuscirà a portare a casa punti festeggerà aritmeticamente il traguardo per cui è in corsa: tricolore per i bianconeri, qualificazione in Champions per i giallorossi, che se dovessero vincere potrebbero anche rimandare i festeggiamenti degli uomini di Allegri (anche se la premiazione ufficiale avverrà in ogni caso a Torino nella giornata successiva).

Strootman rientrerà con la nuova maglia, quella già pronta per la stagione 2018/19, che come da consuetudine per i grandi club vestiti Nike, sarà indossata per la prima volta nell'ultima partita casalinga. È accaduto anche lo scorso anno, in quel 28 maggio che per ogni tifoso della Roma non ha rappresentato soltanto l'annuale saluto alla squadra, ma anche il giorno dedicato al più grande di tutti. Questa volta Totti sarà in tribuna, al fianco del resto della dirigenza, mentre a fine gara ci sarà il consueto giro di campo dei giocatori con i loro figli. Nel segno di una ritrovata e rinnovata armonia fra spalti e protagonisti. Il cammino di quest'anno - soprattutto quello europeo - merita un riconoscimento. Allo stesso modo il pubblico merita la soddisfazione di vivere un'ulteriore grande sfida con la gioia di festeggiare l'ennesima vittoria di prestigio, dopo quelle con Chelsea, Barcellona, Liverpool e Napoli, fra le altre.

La Roma continuerà a preparare la gara con la speranza di recuperare anche gli altri acciaccati. Primi fra tutti Perotti e Manolas: l'argentino alle prese con una noia alla caviglia e assente dal 24 aprile scorso; il greco fermato da un affaticamento muscolare al quadricipite destro nel riscaldamento pre-partita di Cagliari. Entrambi i possibili recuperi sono accompagnati da un moderato ottimismo. Soprattutto per quanto riguarda l'esterno d'attacco, anche se ieri si è ancora allenato a parte rispetto al gruppo. Mentre sicuramente non saranno del match Peres, Defrel e Karsdorp, che però potrebbero rientrare in tempo utile per disputare l'ultima stagionale con il Sassuolo.