Archiviata la lunga e vittoriosa traversata verso Baku è tempo di tornare a concentrarsi sul campionato. Delle prossime quattro partite tra Serie A e Champions League ben tre vedranno la Roma impegnata fuori casa, e con lei il folto e passionale tifo al seguito. Domenica pomeriggio sarà la volta di San Siro, per cui procede a gonfie vele la vendita dei tagliandi. Milano per noi: una trasferta che storicamente ha un sapore diverso. Milano sarà sempre e per sempre la trasferta di e per Antonio. Un ragazzo strappato vilmente e brutalmente dalle braccia materne, quelle braccia che non hanno mai avuto giustizia. Se davvero esiste al mondo una giustizia per qualcosa di così drammatico. Ci saranno le "pezze" in suo nome e risuonerà forte il canto dei suoi tifosi, con tutta la potenza che si ha in corpo per far arrivare quelle parole fino alla balaustra più alta di tutte. Saranno diverse centinaia, forse un migliaio e più considerando un orario che consentirà un rientro nella Capitale non a notte inoltrata. Il terzo anello verde e l'infinita, odiosa salita a chiocciola sono pronte a veder marciare decine e decine di tifosi che rappresenteranno sugli spalti i colori più belli che esistono. Saranno in netta minoranza ma siam certi si faranno sentire.

Neanche il tempo di rientrare a Roma e molti avranno a che fare con la prelazione per la trasferta londinese. Nel pomeriggio di ieri, infatti, la società giallorossa ha diramato le modalità di acquisto per la gara contro il Chelsea. Un ritorno per molti, visto l'ultimo e unico precedente di nove anni or sono. Allora furono i Blues ad aggiudicarsi la vittoria grazie al gol di Terry, prontamente vendicata nella gara di ritorno in cui l'Olimpico ammirò un Mirko Vucinic in giornata di grazia. La prima fase di vendita sarà interamente riservata ai possessori di biglietto e volo aereo per Baku e partirà lunedì 2 ottobre terminando nella giornata di martedì. Quindi sarà la volta dei possessori del tagliando della sfida contro il Qarabag e così via fino ad una vendita libera che, numeri alla mano, probabilmente non inizierà neanche. Una manovra quella della società giallorossa atta a tutelare, giustamente, i tifosi che hanno fatto i bagagli per raggiungere la capitale azera, non equiparandoli perciò a chi ha comprato l'economico tagliando per assicurarsi un posto in prima fila in vista dell'attesissima sfida di Stamford Bridge. Da Milano a Londra: è bello che dove finisca una trasferta debbano in qualche modo iniziare i preparativi di un'altra.