Perdite in Europa di circa 10 miliardi di euro. È questo l'impatto della pandemia coronavirus sul mercato dei calciatori nei cinque principali campionati europei. Lo rivela uno studio del Cies Football Observatory, che ha calcolato, squadra per squadra, campionato per campionato, la perdita di valore di mercato dei 20 giocatori più costosi di ogni rosa se non si riprenderà a giocare prima di giugno.

I parametri alla base di questo approfondimento sono l'età dei calciatori, la durata dei loro contratti e le ultime prestazioni: ne risulta che vedranno calare di più il proprio valore i calciatori più avanti con l'età, con contratti in scadenza e che hanno giocato meno partite nella stagione rispetto alla precedente. Nel complesso, la svalutazione media dei giocatori dei principali campionati europei sarà del 28%: dai 32,7 miliardi totali dell'11 marzo ai 23,4 miliardi del 30 giugno.

Ne risentirà anche la Roma, ovviamente. Secondo l'approfondimento del Cies, la perdita complessiva del valore della rosa giallorossa si assesterà appena al di sotto della media europea, con un calo del 27,2%. Se prima dell'inizio della crisi i giocatori della Roma avevano un valore di mercato di 540 milioni, a giugno il totale scenderà a 393, per una svalutazione complessiva di 147 milioni di euro.

Ma in Italia c'è chi ne risentirà di più: in termini di perdita percentuale, la Roma è solo al 15esimo posto in Serie A. Comanda la drammatica classifica l'Inter, con un potenziale passivo di -35,7 %, seguito da Verona (-34.3) e Spal (-34,2). Fuori dal podio la Lazio, con una svalutazione del 32,8%, poi Cagliari (-31,7), Torino (-31,3) e Milan (-31,2). All'ottavo posto la Sampdoria, con una perdita del 30,3% del valore complessivo della rosa, seguita da Napoli, che si stabilisce a -29,8, Sassuolo (-29,3) e Fiorentina (-28,9). Dodicesima la Juventus, che a giugno vedrà i propri calciatori svalutarsi del 28,4% (per una perdita totale di 222 milioni, il secondo "rosso" in assoluto in Italia, dietro ai 276 dell'Inter), mentre le altre due squadre che ne risentiranno più della Roma sono Udinese (-28,2) e Genoa (-28,2).

Il calcio europeo comincia a fare la conta dei danni dovuti dallo stop forzato per l'emergenza coronavirus. Il Cies, l'osservatorio europeo sul calcio, ha calcolato che in media il valore dei calciatori è calato del 28%. Le squadre italiane sono tra le più colpite visto che il nostro Paese è l'epicentro europeo della crisi sanitaria.

Secondo le stime del Cies la rosa della Roma avrebbe perso il 27,2% del valore scendendo da una valutazione totale di 540 milioni agli attuali 393, segnando così un -147. In Serie A solo Inter (-276) e Juventus (-222) hanno accusato una flessione maggiore.

di: La Redazione