Bacary Sagna è stato solamente l'ultimo squillo di un mercato bizzarro, folle e ambizioso. Tra scommesse e occasioni a costo zero, il Benevento è stata la società più attiva nella sessione invernale di trasferimenti e questo suo dinamismo ha catalizzato le attenzioni di molti agenti ed intermediari, attivissimi nel proporre calciatori alla proprietà campana. Tra i vari dossier arrivati sulla scrivania della dirigenza giallorossa, c'erano anche due ex giocatori della Roma che, in caso di fumata bianca, avrebbero potuto calcare il prato dell'Olimpico da avversari nella sfida di domenica sera. Il primo è Mapou Yanga-Mbiwa, valutato con attenzione prima di essere scartato per i costi proibitivi dell'ingaggio. Proposto in prestito gratuito e con buona parte dell'ingaggio pagato dal Bayer Leverkusen, nemmeno Tin Jedvaj ha convinto il presidente Vigorito.