A partire da oggi e per altri quattro appuntamenti entreremo nel complesso che ospiterà il futuro Stadio della Roma. Lo faremo attraverso le carte del progetto, le stesse presentate al Comune e poi in Conferenza dei Servizi, aggiornate con le prescrizioni previste dagli Enti competenti. Centinaia di file e migliaia di pagine che abbiamo letto per voi e che vi illustreremo in queste pagine. La sola relazione finale consta di oltre 500 pagine di elaborati scritti, oltre a tabelle, grafici e disegni, alcuni dei quali vi mostreremo nel dettaglio. Un complesso enorme che, oltre all'impianto giallorosso, prevede altri grandi comparti. Come la nuova Trigoria, l'area che ospiterà gli allenamenti della prima squadra, adiacente allo Stadio. O il Village, una zona che comprende un moderno Medical Center, un Hotel e la Hall of Fame, il museo delle memorabilia, dei cimeli e dei trofei giallorossi. O ancora il Business Park che, abbandonate le torri progettate da Libeskind, ora prevede tre ampie corti, ancora a firma dell'architetto polacco naturalizzato statunitense. Ed infine il Convivium, l'area commerciale composta da una grande piazza pubblica che è anche l'accesso principale allo Stadio, con servizi di intrattenimento, negozi, bar e ristoranti, e connesso, mediante i percorsi pedonali di collegamento, con la Stazione Magliana e la Stazione di Tor di Valle. Oltre alle opere pubbliche, parcheggi, ponti, strade. Un progetto che si svilupperà su una superficie di oltre 890 mila metri quadri, di cui quasi 300 mila di verde pubblico (che avrà una funzione di cerniera tra le aree verdi a carattere più naturalistico e la piastra dello stadio e del Business Park) e 130 mila di parcheggi. Un'area d'intervento che si colloca nel quadrante sud di Roma, lungo l'asse viario Ostiense-Via del Mare e nell'area dell'ippodromo di Tor di Valle, oramai dismesso dal gennaio 2013. E che dovrà fare i conti con un vicino rumoroso e fastidioso, il depuratore Acea Ato2. Previsto anche il completamento della rete ciclabile principale lungo il Tevere (Corridoio Tevere). All'interno del Municipio IX e XII verranno realizzate una rete ciclabile principale per un totale di circa 9,60 km, una rete locale di circa 10,30 km e circa 18,40 km nei corridoi verdi. Verranno predisposte anche due aree golenali e il relativo sistema di fruibilità pedonale e ciclabile, aree da cui di potrà accedere ai pontili ed al sistema di trasporto fluviale. Un'opera mastodontica da un miliardo di euro che cambierà il volto di un intero quadrante della città.

L'IMPIANTO

TRA 52.000 E 55.000 POSTI

Il Nuovo Stadio della Roma, situato nell'area di Tor di Valle, sarà lo stadio di calcio con tecnologie più avanzate e sicuro d'Italia. Lo stadio avrà la possibilità di essere configurato con una capienza compresa tra 52.500 e 55.000 spettatori in base alle esigenze e agli eventi da ospitare. Questo sarà ottenuto con l'utilizzo o meno degli spazi occupati dai megaschermi e la distribuzione a diverso interasse delle sedute dei settori non VIP.

GRADINATA OVEST

ll catino sarà suddiviso in tre anelli di gradinate sovrapposte prefabbricate in calcestruzzo armato con pendenza crescente verso la sommità. La Curva Sud avrà secondo e terzo anello uniti. La copertura dello stadio sarà in carpenteria metallica con rivestimento in membrana PTFE. VIP e Stampa accederanno attraverso ingressi riservati posizionati sia al livello del podio, sia al piano terra, dove ci sarà l'accesso dei giocatori.

LIVELLO 0 OVEST

Il nuovo stadio sarà struttura polifunzionale dove oltre agli spazi destinati all'attività sportiva, al di sotto delle gradinate troveranno posto piccole superfici commerciali (chioschi), club e ristoranti, oltre a locali tecnici e magazzini. L'utilizzo della struttura non sarà limitato agli eventi calcistici, bensì esteso a location per spettacoli, concerti, eventi. Il sistema di protezione del manto erboso favorirà la flessibilità in caso di concerti.

LA NUOVA TRIGORIA

IL CENTRO ALLENAMENTI

Situato nella zona nord del sito, il Centro di Allenamento della Roma, a volte definito "Nuova Trigoria", sarà la nuova casa della prima squadra. Con due campi e mezzo in erba naturale, sarà circondato da un parco privato a nord e da un parco pubblico a ovest. Il nuovo centro allenamenti della Roma sarà costituito da una struttura su due livelli oltre ad un piano tecnico interrato, disposta lungo l'asse nord-sud.

ROMA VILLAGE

Roma Village costituisce il centro ludico dell'intero intervento. Si tratta di un insieme di edifici singoli o interconnessi gli uni agli altri che formano un sistema di piazze di cui la principale è quella posta ai piedi della scalinata che sale al podio dello stadio e sulla quale affaccia l'AS Roma Medical Center. Verso ovest si trova l'Hotel mentre a sud si aprono altri spazi aperti con la Hall of Fame e il parcheggio.

HALL OF FAME

All'interno del Roma Village si trova in particolare la Hall of Fame, il museo della Roma, distribuito su tre livelli collegati da scale, scala mobile e ascensore, con accesso diretto dal Podio di Roma Village. La Hall of Fame sarà direttamente fruibile dai visitatori sviluppando il concetto di partecipazione attiva "Bring your cleats" (portate i vostri scarpini): sulla copertura è infatti prevista la realizzazione di un campo di Calcio a 5.

BUSINESS PARK E CONVIVIUM

IL BUSINESS PARK

Il progetto del Business Park ha subito notevoli modifiche con una riduzione della sua volumetria di circa il 50%. Il progetto del Business Park, curato dagli architetti Libeskind e D'Inca, prevede la realizzazione di un complesso architettonico concepito come un distretto subito riconoscibile e iconico. E concepito come un complesso di edifici unificato, un quartiere di lavoro e gioco con blocchi, strade, cortili e piazze.

CORTI TRIANGOLARI

La forma delle corti articola tre assi pedonali che collegano stadio, stazione della linea Roma-Ostia e aree dei parcheggi di superficie a est. Ogni asse inizia da una piazza di progetto: la prima si incontra arrivando dalla linea ferroviaria, un'altra dai parcheggi di superficie, una terza si trova in prossimità dello stadio mentre la quarta e si trova al centro del complesso e costituisce un vero e proprio spazio di raccolta e di attività.

IL CONVIVIUM

Il Convivium, progettato da Forrec e dallo Studio Altieri, è costituito da un centro commerciale di 20.000 mq articolato da un sistema di piazze pubbliche e si configura come accesso principale allo Stadio, con servizi d'intrattenimento, negozi, bar e ristoranti. Il progetto si sviluppa lungo un percorso principale di collegamento pedonale di ingresso allo stadio, "Promenade" che collega lo stadio con la Stazione di Tor di Valle.

LA CURVA SUD

L'ELEMENTO DISTINTIVO

L'elemento distintivo del Nuovo Stadio sarà la Curva Sud: con un'architettura più scarna ed essenziale, rappresenta e simbolizza l'identità della Roma e della sua tifoseria. Le sue gradinate saranno separate dal resto dello stadio e, a differenza degli altri settori, sarà su due anelli. Gli accessi, oltre che dalle scale, saranno garantiti da rampe esterne.

UN MURO GIALLOROSSO

Alla Curva Sud si accederà attraverso due ampi varchi arretrati rispetto al filo facciata. Gli ingressi saranno regolati da tornelli a tutt'altezza e le uscite saranno chiuse con cancelli a doppio battente con apertura verso l'esterno. Il primo anello presenterà un massimo di 35 file, così come il secondo anello. L'impatto visivo sarà quello di un unico muro. Il rivestimento in pannelli metallici è costituito dai soli parapetti

SOTTO LA CURVA

Anche sotto la Curva Sud troveranno posto numerosi esercizi commerciali e locali, in particolare servizi di ristorazione e merchandising