Alla vigilia della sfida tra Bosnia e Italia in programma domani alle ore 20.45 il capitano della selezione bosniaca Edin Dzeko ha parlato in conferenza stampa. Ecco le sue parole.

"Conosciamo Bonucci, io piuttosto bene, ma conosco anche gli altri giocatori, non ci sono molte sorprese. L'Italia è una grande squadra che ha vinto tutte le partite, vogliono continuare la loro striscia di vittorie e magari battere il record. Vengono motivati anche se si sono qualificati, e anche se non abbiamo quasi nessuna possibilità di passare, questa partita sarà importante per la Nations League. Faremo del nostro meglio per battere l'Italia. Questa non è la peggiore Nazionale italiana fino ad oggi, non hanno vinto per caso 8 partite di fila. Hanno un sacco di giocatori nuovi e giovani e vedremo cosa possono fare agli Europei".

"Siamo colpevoli di non essere secondi. Domani, anche se non significa nulla per noi in classifica, non sottovaluteremo l'Italia. Sicuramente noi stessi, i giocatori e lo staff siamo delusi del nostro risultato, così come i tifosi. Penso che abbiamo una squadra che doveva essere seconda in questo gruppo. Non ci siamo riusciti perché non abbiamo giocato al nostro livello. Domani abbiamo una partita contro una grande nazionale, dove possiamo provare a vincere e ritrovare la nostra fiducia".

Poi un passaggio sul capitano della Roma, Alessandro Florenzi: "Florenzi è il nostro capitano, in questo momento non sta vivendo una situazione bella, però è un giocatore forte, che sicuramente riuscirà a venirne fuori e a tornare sui propri livelli. Alla fine dobbiamo tutti rispettare la decisione dell'allenatore e, come ho detto, a Roma sono contento".

Alla vigilia della sfida tra Bosnia e Italia in programma domani alle ore 20.45 il capitano della selezione bosniaca Edin Dzeko ha parlato in conferenza stampa. Ecco le sue parole.

"Conosciamo Bonucci, io piuttosto bene, ma conosco anche gli altri giocatori, non ci sono molte sorprese. L'Italia è una grande squadra che ha vinto tutte le partite, vogliono continuare la loro striscia di vittorie e magari battere il record. Vengono motivati anche se si sono qualificati, e anche se non abbiamo quasi nessuna possibilità di passare, questa partita sarà importante per la Nations League. Faremo del nostro meglio per battere l'Italia. Questa non è la peggiore Nazionale italiana fino ad oggi, non hanno vinto per caso 8 partite di fila. Hanno un sacco di giocatori nuovi e giovani e vedremo cosa possono fare agli Europei".

"Siamo colpevoli di non essere secondi. Domani, anche se non significa nulla per noi in classifica, non sottovaluteremo l'Italia. Sicuramente noi stessi, i giocatori e lo staff siamo delusi del nostro risultato, così come i tifosi. Penso che abbiamo una squadra che doveva essere seconda in questo gruppo. Non ci siamo riusciti perché non abbiamo giocato al nostro livello. Domani abbiamo una partita contro una grande nazionale, dove possiamo provare a vincere e ritrovare la nostra fiducia".

di: La Redazione