Falcao, Ottavo Re. Prende il via oggi la mostra fotografia dedicata allo storico calciatore della Roma. Il brasiliano, conosciuto dai tifosi come "L'Ottavo Re di Roma" o "Il Divino", verrà omaggiato attraverso un'esposizione di immagini allestita presso la galleria Candido Portinari dell'Ambasciata del Brasile a Roma, situata in Piazza Navona 10. Attraverso 52 immagini, a colori e in bianco e nero, verrà ripercorsa la carriera da giocatore di uno dei più grandi centrocampisti della storia del calcio giallorosso. L'iniziativa, patrocinata dalla Fondazione Culturale Italo Brasiliana (FIBRA) e dal Ministero delle Relazioni Estere del Brasile, sarà arricchita da cimeli appartenuti al fuoriclasse brasiliano (3 maglie e 1 paio di scarpini) e dalla proiezione del docufilm dal titolo "Chiedi chi era Falcao", una produzione di Roma Studio per la regia di David Rossi e i testi del nostro direttore Tonino Cagnucci. La mostra, allestita fino al 23 settembre, sarà aperta al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 17.

«Non potevamo non rendere omaggio a Paulo Roberto Falcao, uno dei più grandi calciatori della storia del nostro paese e di quella della Roma», così ci ha accolto l'Ufficio Culturale dell'Ambasciata del Brasile nel giorno di vigilia dell'inaugurazione della mostra. «Attraverso Paulo vogliamo proseguire il nostro progetto di divulgazione della cultura brasiliana all'interno della città. Lo scorso anno, in occasione della 21esima edizione del Campionato del Mondo di Calcio che si è svolta in Russia, abbiamo omaggiato due campioni assoluti come Pelé e Garrincha. Ora è la volta del Divino, che nel quinquennio trascorso nella Capitale ha dato molto. Il calcio rappresenta innanzitutto una cultura che va valorizzata e noi abbiamo deciso di farlo in maniera innovativa». Dell'esposizione fotografica non poteva che essere entusiasta lo stesso Falcao: «Ovviamente la realizzazione della mostra è stata possibile anche grazie a Paulo Roberto quando lo abbiamo contattato per proporgli l'iniziativa è rimasto entusiasta e lusingato. È stata una bellissima collaborazione, sia con lui che con la Roma, che ci ha fornito tantissimo materiale».

Un mito, quello della Roma brasiliana, vissuto a pieno anche dalla comunità verdeoro presente in città, come spiegato dall'Ambasciata: «I brasiliani vivono il calcio come i romanisti. Ci sono una passione e un legame fortissimi. Lo stesso club giallorosso, poi, nel corso della sua storia ha avuto sempre grandi calciatori provenienti dal nostro Paese (oltre a Falcao, basti pensare ai vari Aldair, Assuncao, Cafu, Cerezo, Emerson, Lima, Maicon e tanti altri). Siamo sempre stati un punto di riferimento, questo non può che renderci orgogliosi».

Per quanto riguarda il percorso visivo che accompagnerà gli appassionati e i tifosi giallorossi, questo si aprirà con gli scatti raffiguranti Falcao negli esordi con l'Internacional di Porto Alegre (club con il quale ‘Il Divino' conquistò i campionati brasiliani del 1975, 1976 e 1979) per poi passare all'indimenticabile quinquennio con la maglia giallorossa (caratterizzato dalla conquista di due coppe Italia, uno Scudetto nella stagione 1982-83 e la storica finale di Coppa dei Campioni nel 1984). Saranno presenti, inoltre, immagini di repertorio raffiguranti il centrocampista con la divisa del Brasile e con quella del San Paolo. Immancabile qualche scatto extra-campo.