A poche ore dalla conferenza stampa di Francesco Totti, Arrigo Sacchi ha commentato l'addio dell'ex capitano ai microfoni di Radio Capital: "Oggi molto probabilmente ha capito di essere usato, o meglio, non apprezzato. Quando uno capisce di non essere apprezzato deve prendere una decisione e lui l'ha presa. Shakespeare diceva: chi perde la dignità è miserabile tutta la vita e lui non vuole perderla".

L'ex allenatore rossonero ha poi continuato parlando della sua carriera: "Totti è stato un grande giocatore, ha dato tanto alla Roma ed in compenso è stato idolatrato dai tifosi, amato come nessun altro e la società lo ha tenuto anche pagandolo copiosamente. Poi può succedere, succede anche fra marito e moglie, che si comincino a vedere le cose in modo diverso. Mi dispiace, lo stimo tantissimo e l'ho cercato al Milan e al Real Madrid".

Sacchi a Sky Sport

"Totti è stato un grande giocatore e non si è trovato a proprio agio nelle vesti di dirigente. Siccome è un uomo con personalità ha preferito andarsene".