La presentazione

Il Papa convoca Kumbulla per la Partita della Pace: "Non ci sono avversari"

Il 14 novembre all’Olimpico 3ª edizione dell’evento voluto dalla Santa Sede. "Noi calciatori non possiamo fermare la guerra, ma portare la gente a essere più consapevole"

Marash Kumbulla e Alberto Pastorella nella sala stampa di Radio Vaticana, alla presentazione della 3° edizione della Partita della Pace

Marash Kumbulla e Alberto Pastorella nella sala stampa di Radio Vaticana, alla presentazione della 3° edizione della Partita della Pace

30 Settembre 2022 - 11:45

Aleggiava Maradona, nella partita voluta dal Papa, con l’aiuto della fondazione Scholas Occurrentes, nata a Buenos Aires, quando Bergoglio era Arcivescovo. Fondazione che ha scelto “We play for peace” come motto, e organizzato la terza edizione della “Partita della Pace”, presentata ieri alla Radio Vaticana: si giocherà lunedì 14 novembre all’Olimpico, calcio d’inizio alle 17, per favorire la presenza di bambini e ragazzi. C’erano Marash Kumbulla e Ciro Immobile alla prestazione, col presidente della Lazio Claudio Lotito (che ci ha tenuto a ricordare, per chi non fosse stato attento, che per lui il calcio deve essere "didascalico e moralizzatore") e Francesco Pastorella, Director Sustainability & Community Relations Department dell’As Roma. "Siamo onorati di stare a questo tavolo e contribuire alla promozione di questo evento così importante - spiega il dirigente giallorosso - come As Roma siamo stati sempre vicini alle popolazioni che subiscono le conseguenze della guerra, ai rifugiati dell’Afghanistan, e ora a quelli dell’Ucraina. E vogliamo dare un contributo a questa bella iniziativa". "Ringrazio tutti per questa opportunità - dichiara Kumbulla - soprattutto il Santo Padre. Per una volta qui non ci sono avversari né squadre, dobbiamo tifare tutti per una sola squadra, quella della pace. Noi calciatori sappiamo che non possiamo fermare la guerra, ma possiamo portare la gente a essere informata e consapevole. Io e i miei compagni vogliamo fare questo, aiutare il Santo Padre per la pace". Nel videomessaggio di presentazione sono apparsi José Mourinho ("È una partita per la pace, e un omaggio al mio caro amico Don Diego Armando Maradona, invito tutti a essere presenti") e Paulo Dybala ("Ci sono momenti in cui bisogna tutti tifare per la stessa squadra, e sarà l’occasione per ricordare Diego"). Hanno già aderito Ronaldinho (che sarà uno dei due capitani, l’altro è Immobile), Caniggia, Ciro Ferrara e Hristo Stoichkov, Maradona verrà ricordato con uno spettacolo di ologrammi. Biglietti in vendita su TicketOne, da 10 a 20 euro, riduzioni per gli under 10.

© RIPRODUZIONE RISERVATA