Tiago Pinto è al lavoro per costruire la nuova Roma. Si lavora sotto traccia a nomi buoni per il rafforzamento dell'organico da consegnare a Mourinho, ma soprattutto in questo momento il focus è sulle uscite, che iniziano a concretizzarsi. Nei giorni scorsi avevamo anticipato come Daniel Fuzato fosse vicinissimo all'Ibiza. Il brasiliano ha lasciato Trigoria dopo quattro stagioni, firmando un contratto con l'Ibiza, club che milita nella seconda divisione spagnola, dove in passato giocò un altro ex romanista, Marco Borriello. La società baleare pagherà un bonus di 300 mila euro in caso di promozione in Liga. La novità è l'applicazione della "formula Frattesi": la Roma manterrà il 30% sulla futura rivendita del classe '97, che avrebbe trovato sempre meno spazio dopo l'arrivo a parametro zero di Mile Svilar, già preso nella scorsa primavera. Stessa modalità di uscita per Tommaso Milanese, che sarà invece un nuovo giocatore della Cremonese. Per il diciannovenne leccese, che aveva esordito con Fonseca, realizzando anche un gol in Europa League contro il CSKA Sofia nel dicembre del 2020 e che ha passato lo scorso anno in prestito all'Alessandria, la formazione neopromossa pagherà 750mila euro più bonus nelle casse giallorosse. Anche in questo caso, la Roma si è riservata un 30% percento sulla futura rivendita del centrocampista.

In entrata è vicina, ora più ora meno, la chiusura dell'affare con il Lille per portare nella Capitale Zeki Celik. Il turco esterno destro dei francesi è atteso in settimana, dunque ogni giorno è buono per la fumata bianca. Nessun problema tra la Roma e il Lille, corsia preferenziale, visti i rapporti vista la vicinanza tra il proprietario Alessandro Barnaba e i Friedkin. La Roma ha fatto lo sforzo necessario: 7 milioni di base più bonus o, ancora, percentuale sulla futura rivendita. Atteso l'ok definitivo del Lille.

Dalla Spagna ieri è rimbalzata la notizia di un colloquio tra Mourinho e Cavani nel caso Abraham dovesse lasciare la Roma. Al momento percentuali che non si schiodano dallo zero. Sul fronte Dybala continuano voci, smentite e suggestioni: in Argentina dicono che la porta per la Roma è ormai chiusa. La Joya, però, non è ancora un giocatore dell'Inter e vuole rimanere in Italia. Oltre ai giallorossi resterebbe solo la pista Milan. Infine ieri è arrivata la conferma di Marotta sul passaggio di Mkhitaryan all'Inter, di cui non si parlava più da giorni, con l'armeno che «sarà ufficiale nei prossimi giorni, così come Onana. È nostro dovere allestire una squadra competitiva a disposizione di Inzaghi»