"Adesso portatela ad Ago", scriveva Tonino Cagnucci sulle pagine de Il Romanista dopo il trionfo di Tirana. La street artist romanista Laika ha concretizzato il suo auspicio realizzando "Un calcio alle paure (1984-2022)": si chiama così il nuovo murale comparso nella notte a Testaccio, che ritrae Pellegrini sulle spalle di Di Bartolomei con il trofeo della Conference League. "Aspettavamo questo momento dal 30 maggio 1984 - ha scritto l'artista su Instagram - da quando non riuscimmo ad alzare la Coppa dei Campioni sul prato dell'Olimpico. Una coppa europea sognata per decenni che ora il capitano Lorenzo Pellegrini ha sollevato al cielo nello stadio di Tirana. Un'immagine che per noi tifosi custodisce in sé i sogni e le speranze che ci hanno accompagnato in tutti questi anni. Questa coppa è di tutti noi, di tutti i giallorossi che non ci sono più, di tutti i calciatori che hanno vestito questa maglia con orgoglio e lealtà, di tutti i nostri capitani romani e romanisti, da Giuseppe Giannini a Francesco Totti fino a Daniele De Rossi. Ma soprattutto è di Agostino Di Bartolomei, simbolo eterno di purezza e romanismo. Ago, 'siamo entrati in porto col vessillo'!".

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Laika (@laika1954)